Sassuolo-Inter 0-1, Pioli: “Vittoria importante, parlare di Champions è immaturo. Ora testa alla Lazio”

Pubblicato il autore: Francesco Ippolito Segui

Stefano Pioli
Nel post-partita di SassuoloInter, finita 0-1 per i nerazzurri, è intervenuto ai microfoni di Premium Sport l’allenatore dell’Inter Stefano Pioli: “Dobbiamo correre forte, per noi queste sono sempre partite della svolta. Non vincevamo da tanto tempo fuori casa, ma oggi abbiamo giocato con intelligenza e lucidità. Peccato non aver chiuso prima la partita perché si poteva anche raddoppiare. Abbiamo tenuto bene il campo, senza cali fisici. Il Sassuolo ha provato a recuperare ma ha avuto solo un’occasione.”

“Partita sofferta, dobbiamo migliorare”

“È stata una partita sofferta, ma abbiamo giocato con grande spirito e determinazione – continua mister Pioli – Stiamo cercando di migliorare tante situazioni: dopo il primo goal, ad esempio, dovevamo muoverci di più, ma a volte gli avversari ti costringono a calciare lungo e ad abbassare il ritmo.”

Leggi anche:  Buon compleanno José Mourinho! Lo Special One festeggia 58 anni

“Il derby la gara migliore, oggi non so”

“Non so se sia stata la nostra miglior gara della stagione, è difficile dirlo – ha affermato ancora Pioli – A me è piaciuto di più il derby, dove abbiamo giocato da squadra per 95 minuti, mentre oggi abbiamo concluso tante volte in porta.”

“Testa alla Lazio, parlare di Champions è immaturo”

“Ma ora ci sarà un’altra partita importantissima, quindi questa soddisfazione deve essere momentanea: dobbiamo subito concentrarci sul prossimo impegno. Parlare di Champions è prematuro: dobbiamo pensare solo a correre forte. Ogni partita per noi deve essere quella della svolta. Oggi abbiamo vinto, ma anche sofferto: peccato non averla chiusa prima, le occasioni le abbiamo avute. Abbiamo tenuto bene il campo, abbiamo gestito bene nonostante il risultato fosse aperto: ci siamo sacrificati, abbiamo lottato con lo spirito giusto e questo è un bel segnale per un allenatore.”

Su Gabigol e Felipe Melo

Non ero preparato a questa domanda (ironico, ndr). Ha qualità, talento e ha avuto tempo per capire il calcio italiano. Insieme ai suoi compagni sta cercando di prepararsi al meglio”. E su Felipe Melo: “La seconda ammonizione non c’era. Affidabile? È un giocatore di carattere, ma vista l’esperienza che ha deve imparare a dosarsi, anche se il secondo giallo non lo trovo giusto”.

  •   
  •  
  •  
  •