Sassuolo-Inter 0-1, Pioli: “Vittoria importante, parlare di Champions è immaturo. Ora testa alla Lazio”

Pubblicato il autore: Francesco Ippolito Segui

Stefano Pioli
Nel post-partita di SassuoloInter, finita 0-1 per i nerazzurri, è intervenuto ai microfoni di Premium Sport l’allenatore dell’Inter Stefano Pioli: “Dobbiamo correre forte, per noi queste sono sempre partite della svolta. Non vincevamo da tanto tempo fuori casa, ma oggi abbiamo giocato con intelligenza e lucidità. Peccato non aver chiuso prima la partita perché si poteva anche raddoppiare. Abbiamo tenuto bene il campo, senza cali fisici. Il Sassuolo ha provato a recuperare ma ha avuto solo un’occasione.”

“Partita sofferta, dobbiamo migliorare”

“È stata una partita sofferta, ma abbiamo giocato con grande spirito e determinazione – continua mister Pioli – Stiamo cercando di migliorare tante situazioni: dopo il primo goal, ad esempio, dovevamo muoverci di più, ma a volte gli avversari ti costringono a calciare lungo e ad abbassare il ritmo.”

Leggi anche:  Calciomercato Inter: van de Beek arriva ad una sola condizione, Inzaghi incontra un suo pupillo...

“Il derby la gara migliore, oggi non so”

“Non so se sia stata la nostra miglior gara della stagione, è difficile dirlo – ha affermato ancora Pioli – A me è piaciuto di più il derby, dove abbiamo giocato da squadra per 95 minuti, mentre oggi abbiamo concluso tante volte in porta.”

“Testa alla Lazio, parlare di Champions è immaturo”

“Ma ora ci sarà un’altra partita importantissima, quindi questa soddisfazione deve essere momentanea: dobbiamo subito concentrarci sul prossimo impegno. Parlare di Champions è prematuro: dobbiamo pensare solo a correre forte. Ogni partita per noi deve essere quella della svolta. Oggi abbiamo vinto, ma anche sofferto: peccato non averla chiusa prima, le occasioni le abbiamo avute. Abbiamo tenuto bene il campo, abbiamo gestito bene nonostante il risultato fosse aperto: ci siamo sacrificati, abbiamo lottato con lo spirito giusto e questo è un bel segnale per un allenatore.”

Su Gabigol e Felipe Melo

Non ero preparato a questa domanda (ironico, ndr). Ha qualità, talento e ha avuto tempo per capire il calcio italiano. Insieme ai suoi compagni sta cercando di prepararsi al meglio”. E su Felipe Melo: “La seconda ammonizione non c’era. Affidabile? È un giocatore di carattere, ma vista l’esperienza che ha deve imparare a dosarsi, anche se il secondo giallo non lo trovo giusto”.

  •   
  •  
  •  
  •