Sinisa Mihajlovic: “Volevo provare a vincere la partita”

Pubblicato il autore: francesco agostini Segui

Sinisa Mihajlovic
Il Torino ha perso il derby della Mole, ma Sinisa Mihajlovic non fa drammi. Perdere contro la capolista e la probabile vincitrice finale del titolo ci sta. Per il tecnico serbo il morale, dunque, è sempre alto.

Sinisa Mihajlovic parla del derby

Ecco dunque le parole del tecnico del Toro, a caldo:
Ora abbiamo consapevolezza che possiamo giocare alla pari con tutti. Penso che fino all’ 83′ abbiamo giocato alla pari. Meritavamo qualcosa in più, tra occasioni di Ljajic e Benassi, e il contropiede di Baselli. Non ho visto differenza oggi tra noi e loro. Non mi volevo accontentare dell’1-1, volevo provare a vincerla. Ma poi abbiamo preso il secondo gol che ci ha tagliato le gambe. Non rinnego le mie scelte, la mia squadra deve sempre cercare di vincere la partita. Sia contro la Juve che contro le altre. Certo, Barreca poteva difendere meglio, ma ha 18 anni, è un ragazzino e ci sta che un campionissimo come Higuain ci possa punire. Ai giovani bisogna lasciare anche il tempo di sbagliare“. (La Gazzetta dello Sport)

Leggi anche:  Bologna-Arnautovic c'è l'accordo: per la difesa uno tra Lyanco e Benatia

Infine una piccola stoccata all’ex Roma Ljajic: “Oggi non mi è piaciuto. Ha inciso poco, mi aspettavo di più.”

Le parole di Sinisa Mihajlovic su Belotti

Sono orgoglioso dei miei ragazzi perché hanno cercato di vincere. La Juve nel secondo tempo non ci ha fatto un tiro in porta. Se avessi voluto pareggiare non avrei messo 4 attaccanti. La mia squadra si deve prendere sempre qualche rischio in più: questa deve essere la mentalità. Dovevamo alzare i ritmi perché loro giocando più partite di noi erano più stanchi. Non abbiamo sfruttato le occasioni. Poi è ovvio che quando non fai gol a una squadra come la Juve, ti punisce. Sappiamo tutti che la Juventus è favorita ed è la più forte di tutti. Noi abbiamo provato a batterla, dovevamo avere più coraggio di giocare in verticale, nel secondo tempo sull’1-1 ero convinto di poter vincere la partita. Ma non siamo stati fortunati.” (La Gazzetta dello Sport)

Leggi anche:  De Ligt replica le critiche di Van Basten: il difensore senza paura

Il tecnico poi si sofferma sulla prestazione di Belotti, al suo undicesimo gol stagionale.
E’ un giocatore straordinario con molti margini di miglioramento. Deve mantenere l’umiltà, deve continuare a giocare come sta facendo. Anche se Higuain è un campionissimo, per me Belotti è il giocatore ideale per questo Torino e può esserlo per qualsiasi squadra al mondo. Noi speriamo di tenercelo finché potrà, o almeno finché ci sarò io.” (La Gazzetta dello Sport)

Adesso, comunque, il Torino deve voltare pagina: perdere un derby può capitare, l’importante è rialzarsi. Lo sguardo del tecnico granata, quindi è rivolto non al passato, che oramai non si può più cambiare, ma al futuro. E il futuro si chiama Napoli:
“Abbiamo dimostrato anche oggi che possiamo giocare alla pari con tutti. Dove dobbiamo migliorare noi è nelle partite alla portata: contro la Sampdoria non devi perdere. Perché poi contro la Juventus sai che sono più forti e che anche se giochi bene rischi di perdere. Ora andiamo a Napoli, sapendo che sarà una partita difficile, ma faremo la nostra partita, cercando di fare quello che sappiamo.” (www.toronews.net)

  •   
  •  
  •  
  •