Lazio: le parole di Simone Inzaghi al termine del derby

Pubblicato il autore: Luca Ludovici Segui

simone_inzaghi_lapresse
Inzaghi a Sky Sport

“Cosa è mancato nel primo tempo? Un po’ di cattiveria. Ma non c’è un’azione della Roma negli highlights. Spiace aver perso così, ci abbiamo messo del nostro, non abbiamo concesso nulla, abbiamo regalato due gol. Spiace per la nostra gente, è una grossissima delusione per me e per i ragazzi. Domani ci saranno critiche, so quanto ci tenessero i tifosi. Un po’ di cattiveria in più avrebbe fatto in modo che noi non perdessimo. Keita e Anderson? Mi aspettavo qualcosa in più, ma la Roma si è difesa a 5. Non ho rammarico, la partita è stata preparata bene, abbiamo fatto bene. Ma poi regali due gol e stai a raccontare un derby perso. Spalletti? C’è stima reciproca, è venuto a stringermi la mano, ci siamo salutati prima, speriamo che la prossima volta possa andare io a stringergli la mano sorridente come lui era oggi. C’è grandissimo rammarico, sapevamo che avremmo dovuto scivolare sul lato di Perotti, Wallace stava facendo un’ottima partita, probabilmente voleva rientrare col tacco, nel derby non lo puoi fare, altrimenti lo perdi e sei qui a commentare una partita che doveva avere un altro risultato. Preferivo una sconfitta con un’altra squadra, ora dovremo essere bravi, se ne parlerà tanto, non si guarderà chi meritava, ha vinto la Roma 2-0, mi spiace averci messo del nostro. Mai isolato Keita con Rüidger? Avremmo potuto fare qualche cambio di gioco in più, ma per 60 minuti non si è mai visto Marchetti. Eravamo stati bravissimi. La sensazione dalla panchina è che se una delle due squadre poteva segnare era la Lazio. Eravamo gli unici ad aver perso due partite sole, non meritando di perdere la seconda col Milan. A volte un pizzico di cattiveria e di sana ignoranza ti fanno parlare di un altro risultato”.

Leggi anche:  Primavera 1, andata play-out: Lazio-Bologna 1-1

Inzaghi a Premium Sport

“Noi non è che avessimo creato tantissimo, ma la Lazio era la squadra che avrebbe meritato di sbloccare il risultato. Oggi abbiamo regalato due gol e c’è rammarico. Non c’è stato eccesso di sicurezza, nella ripresa non abbiamo giocato per niente, il gol del 2-0 ha chiuso una partita che lascia un grande rammarico, ci abbiamo messo del nostro affinché la Roma vincesse il derby. Perché ho cambiato gli esterni? Rüdiger era ammonito e speravo da quella parte di sfondare un po’ meglio, c’è rammarico per questo risultato, sappiamo bene com’è Roma e dobbiamo essere bravi ad accettare le critiche. Sono stati maggiori i nostri demeriti che i loro meriti, la sconfitta ci servirà, mi dispiace aver perso oggi. Se avessimo segnato noi, sarebbe stata un’altra partita, l’episodio ha cambiato il match della Roma. Peccato, l’avevamo preparata bene, non ricordo nemmeno una parata di Marchetti, ma ora dobbiamo lasciarcela scivolare addosso e dobbiamo essere bravi in questo. Wallace? Penso che sia molto giovane e sia stata una leggerezza, stava giocando bene ma per una leggerezza del genere avremmo preso un gol evitabile, gli servirà per crescere. Cataldi? È stato provocato da Strootman, ma il problema è stato Banti, non sono fortunatissimo con lui. Ha arbitrato bene, ma non c’era l’ammonizione per Biglia, ci ha messo del suo lui e i suoi assistenti, Strootman ha tirato l’acqua in faccia a Cataldi, posso capire che Banti non abbia visto, ma gli assistenti? Si deve stare attenti a queste cose”.

Leggi anche:  Primavera 1, andata play-out: Lazio-Bologna 1-1

Inzaghi in conferenza stampa

“Rammarico per il secondo tempo? Penso che hai dato un’ottima lettura alla gara. Mi dispiace tanto. PEr 60′ non abbiamo concesso un tiro in porta alla Roma. Dalla panchina la mia sensazione era che noi avessimo avuto più chances di segnare prima. Dovevamo avere più sana ignoranza. Avrei voluto commentare un derby con un altro risultato, ma un derby in cui avrei voluto fare i complimenti alla Roma. Invece ci abbiamo messo del nostro. Una sconfitta che farà crescere? Per determinate pertite ci vuole ignoranza, cattiveria in più. Non puoi permetterti tacchi. Voglio perdere la partita per meriti loro, non per demeriti nostri. Loro si sono difesa a 5 contro la Lazio. Ha vinto il derby per maggiore carattere. Più semplice lavorare sulla scarsa efficacia degli attaccanti? Non ci devono essere riflessi psicologoici. Sappiamo cosa vuol dire giocare un derby e perderlo, spero che sapremo cosa significhi giocarlo e vincerlo, ultimamente non ne vinciamo molti. I tre lì in attacco dovevano essere più incisivi. Presunzione della Lazio? Non penso che Wallace sia presuntuoso. Non solo lui, altre giocate anche. Secondo me dovevamo essere un po’ più cattivi. Campionato di altissimo profilo. Noti sconfitte simili contro le prime della classe? Tre sconfitte contro le prime tre dove non puoi permetterti errori. In determinate partite mettiamo quei piccoli errori. Mancanza di carattere è una delusione? Delusione no. Questi ragazzi stanno facendo bene e proponendo calcio. Normale che una partita così dispiace. Dobbiamo essere bravi. Considerazioni su De Vrij? Ho riflettuto e fatto. La squadra così aveva fatto ottime prove. Lo ha fatto anche oggi, al di là delle due leggerezze che ci sono costate il derby. Non pensi che avresti potuto mettere forze fresche nel secondo tempo? Abbiamo subito il gol con palla nostra che dovevamo rinviare la palla. Dovevamo usare meno il fioretto. Questo è il grandissimo rammarico. Io non mi ricordo un derby fatto e vedi il colpo di testa di Dzeko al 61′. Noi abbiamo avuto i due tiri di Immobile, un altro colpo di testa. Biglia nel primo tempo godeva di libertà, nel secondo tempo dovevamo essere più bravi. Ambiente diviso tra “guerra etnica” e “uccidiamoli”? Questo non lo so. I nostri tifosi son stati vicini”.

  •   
  •  
  •  
  •