Torino-Juventus, parla Allegri: “Sfida pericolosa”. E sul caso Strootman…

Pubblicato il autore: elia guerra Segui

Torino-Juventus
Manca poco meno di un giorno all’attesissimo derby di Torino e l’aria che si respira nel capoluogo piemontese è già caldissima. La gara si disputerà domani alle ore 15.00 nello stadio “Grande Torino”, dove i padroni di casa sono imbattuti in questa stagione: cinque vittorie e due pareggi. I granata, però, vengono dalla sconfitta per 2 a 0 contro la Sampdoria e cercheranno in tutti i modi di riscattarsi proprio contro gli acerrimi rivali bianconeri. La Juventus, invece, arriva al derby carica dalla vittoria contro l’Atalanta e contro la Dinamo Zagabria che gli è valsa il primo posto nel girone di Champions.

TORINO-JUVENTUS – Il tecnico degli ospiti Massimiliano Allegri ha da poco concluso, come da rito, la conferenza stampa di vigilia, nella quale ha affrontato vari temi, tra cui il ‘caso Strootman’(o meglio, l’ha evitato, ndr.). Queste le sue parole in merito alla gara di domani: “Il derby è una partita diversa dalle altre, sentita in città e dai tifosi. Il Torino ha il terzo attacco del campionato e ha molta più tecnica e meno fisicità rispetto agli anni passati. Ci attende una partita difficile. La partita con il Genoa deve essere come la partita con il Carpi l’anno scorso. Domani dovremo fare bene. Abbiamo 3 partite da qui alla fine e dobbiamo fare bene. La squadra si è preparata bene e deve dare il massimo. Formazione? Siete bravi a indovinarla, indovinatela! Dybala sta bene e devo decidere cosa fare. Rugani? Sta bene ma quando l’anno scorso c’era curiosità nel vederlo giocare, aveva bisogno del suo tempo perché aveva 4 giocatori davanti e Caceres quando stava bene era un giocatore straordinario. Ha fatto il suo percorso naturale ed è un giocatore cresciuto che deve ancora crescere sul piano tecnico. E’ cresciuto fisicamente e in personalità ma ha le caratteristiche tecniche, fisiche e morali per fare 10 anni importanti alla Juventus”.

Leggi anche:  Ramsey attacca la Juventus. Ecco le parole del gallese

TORINO-JUVENTUS, DUELLI E FORMAZIONE – Allegri ha poi proseguito parlando dei suoi dubbi in merito alla formazione, al calendario e delle dirette avversarie: “Il derby è fatto di duelli: devi essere bravo a vincere duelli aerei e contrasti, devi essere bravo a saltare l’uomo, ci attende una partita tosta. Difesa a 4? E’ probabile che giocheremo con la difesa a 4 ma ho ancora un paio di dubbi e in base a quello sceglierò il modulo e i giocatori da mettere in campo. Lichtsteiner? Ha sempre giocato, ha sempre fatto bene ed è un grande professionista. Abbiamo perso 3 partite dopo la Champions, quindi basta, speriamo (ride, ndr). Abbiamo lavorato bene in settimana e anche la prossima, in vista di Roma e Milan sarà importante. Gufate? E’ normale, come il contrario. Lunedì poi Milan e Roma giocano contro e sarebbe meglio un pareggio. Dobbiamo cercare di girare con più punti possibili. Ora avremo Torino e poi Roma e dovremo fare del nostro meglio per queste due sfide. Come vivo i derby? Abbiamo avuto meno giorni per pensare alla partita perché a volte pensando troppo alla partita la giochi prima e avere meno giorni può essere anche un bene”.

Leggi anche:  Eriksen: "Sto bene, spero di tornare presto"

TORINO-JUVENTUS, CASO STROOTMAN – Alla fine il tecnico della Juventus ha rilasciato un breve pensiero sulle polemiche in merito a Kevin Strootman, assolto dopo il ricorso della Roma alla Corte d’Appello: “Non mi riguarda, per me cambia poco. Non sta a me dare giudizi, ha deciso il Giudice. Le polemiche sull’arbitro Rocchi? Non parlo dopo e non parlo prima. Noi non dobbiamo farci distrarre da queste voci. La visita dei tifosi ieri ci ha fatto molto piacere. Il derby è una partita speciale soprattutto per loro ma lo sarà anche per noi e la squadra farà di tutto per regalargli una gioia. Marchisio? Sta bene. Barzagli? Lunedì o martedì dovrebbe tornare in gruppo e sta abbastanza bene, quindi poi potrà giocare. Mihajlovic ha portato i magazzinieri in conferenza? Io sto bene così, bastano le cazzate che dico io. Differenze tra derby? Questo è un derby molto sentito. Battere il Toro è sempre difficile e lo abbiamo visto nei miei 2 anni. Domani, ripeto, il Toro è molto più tecnico e assomiglia meno alle squadre del Toro: gioca meglio, ha giocatori tecnici e veloci ed è per questo che il derby è molto pericoloso”. Torino-Juventus: ora la parola passa al campo!

  •   
  •  
  •  
  •