Serie A, le dichiarazioni di Spalletti al termine di Genoa 0-1 Roma

Pubblicato il autore: Luca Ludovici Segui

spalletti pjanic
Spalletti a Mediaset Premium

Oggi abbiamo vinto una partita sporca, abbiamo giocato bene sotto l’impatto fisica e della personalità, oggi i nostri piccoli difetti si sono rivelati le qualità per portare a casa la partita. La difesa? Oggi hanno fatto bene tutti, Fazio non è la prima partita che fa su questo livello, è stato un piacere essere a bordocampo e vedere quelle qualità che prima non si vedevano. C’è completezza nelle caratteristiche della squadra. Vittoria in trasferta? Quello che diventa fondamentale è mantenere questo livello che si è raggiunto e questa forza mentale che abbiamo evidenziato oggi. Questa era una partita che si doveva chiudere prima date le circostanze. Avevamo diversi giocatori che erano in forse e per questo ho aspettato nei cambi, Nainggolan stava così e così, lo stesso Peres, poi avevo due ammoniti, ho un po’ indugiato. Comunque abbiamo sofferto poco, abbiamo retto la botta. L’impatto è stato di grandissimo livello, la squadra è stata cazzutissima, se guardi le partite che fa il Genoa, vedi che loro ti metto sotto dal punto di vista fisico. Si è fatto bene anche se non abbiamo sfruttato al massimo delle situazioni pericolose, Emerson è cresciuto tantissimo e Strootman è tornato sui suoi livelli da grande giocatore, ha attaccato tutti e accorciato tutti. Abbiamo un po’ pagato la sua assenza, poi abbiamo ritrovato anche Rüdiger, sono molto contento. Allenare la Juventus? Non so cosa e come abbia interpretato la gente, quando c’è una domanda si risponde. Non c’è bisogno che mi rispondiate lì da Milano, mi fate impazzire. Bisogna rendersi conto del quotidiano, si fa apparire una situazione che non è reale. Forza Roma”.

Spalletti a Sky Sport

“Vittoria meritata ma metterei in evidenza che spesso ho criticato la mia squadra sui secondi palloni, oggi invece hanno giocato di grinta come piace a me. Szczesny? Grandissimo portiere, quando calciano lui ha già ragionato su dove può arrivare il tiro. È un portiere trequartista perché ha l’intuizione all’ultimo secondo. È stato fondamentale ritrovare il livello di Rüdiger e Strootman, anche Dzeko ha fatto una partita buona, facendo salire spesso la squadra. All’ultimo ci siamo abbassati troppo e per come è andata la partita si poteva evitare. Squadra cazzutissima! Se non vieni a fare questa partita a Genova è difficile uscirne bene. Loro sono forti fisicamente, hanno la tradizione dell’uno contro uno e della marcatura a tutto campo. La squadra ha fatto bene nel fraseggio a centrocampo, settore che ha dettato la vittoria perché Strootman, De Rossi, Nainggolan e Perotti sono stati molto bravi a ripiegare e a far salire la squadra. Le mie dichiarazione di ieri (Se non vinco vado via, ndr)? Io so bene cosa intendo. Si possono creare presupposti di vittoria ma quando leggi i giornali vedi che dobbiamo vincere. Lo dico da quando sono tornato, a me questa squadra piace. Ora dobbiamo cambiare qualcosa perché siamo stati obbligati da Salah in Coppa d’Africa e Iturbe a Torino. Fortunatamente Totti ieri ha recuperato ma dobbiamo far quadrare tutto. Comunque bisogna vincere”.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: van de Beek arriva ad una sola condizione, Inzaghi incontra un suo pupillo...

Spalletti a Radio Rai

“Vittoria importantissima perché ci abbiamo messo quelle qualità che anche io avevo messo in dubbio. Se si va a vederla, è una squadra che non ha grandissimo estro ma ha una grandissima sostanza. El Shaarawy ha fatto bene nell’ultima partita, ma ho dato un po’ più di spazio a una valutazione fisica e ho preferito far giocare altri. Stephan è un giocatore importante per noi e deve sfruttare quello che ha a disposizione, ci farà vedere tutto il suo valore. Tutti i giorni a Roma si rischia di buttare all’aria il lavoro di mesi, di un anno. Siamo sempre lì con i tacchetti per terra, oggi la Roma ha vinto su un campo difficile e tempestoso contro una squadra che crea tante difficoltà”.

Spalletti a Roma TV

“Partita sporca? La squadra ha messo in campo le qualità che avevo criticato, se non ti fai trovare pronto con la qualità e basta non riesci a portarla a casa, analizzando le partite e vedendole in video contro il Milan e la Juventus, quello che viene messo in risalto è questa foga, questo impatto fisico, su queste palle giocate dritto per dritto. Essere stati pronti in queste qualità in cui avevo trovato da dire significa aver fatto un passo in avanti nel metterci un’altra caratteristica che ci potrà essere utile in tutte queste trasferte che avremo. Come abbiamo inaridito il Genoa? Il discorso è che lo sporco al quale alludevate è che siamo stati attenti, quadrati, ordinati tatticamente. Per cui lasciamocelo questo sudicino, se si pulisce si perde una caratteristica importante e si fa un passo indietro. Abbiamo avuto anche l’occasione di chiudere la partita, vorrei mettere in risalto la forza della nostra squadra nel condurre la partita. Ci siamo abbassati troppo alla fine, ma il resto l’abbiamo fatto tutto. Jesus? Si possono fare i complimenti a quei calciatori che stanno zitti, lavorano seriamente e si fanno trovare pronti, ci ha dato la superiorità numerica nella metà campo opposta, è stato impeccabile. Mi fa piacere citare Strootman, ha fatto una grande partita, è tornato lo Strootman che ci aspettiamo. Che peso ha questa vittoria? Per una settimana importante, poi come sempre arriviamo alla domenica mattina e sembra tutto per aria, come se dovessimo buttare all’aria il lavoro fatto splendidamente da un anno. È un rafforzamento ad andare avanti, soprattutto visto che si sono messe dentro quelle qualità che non avevamo evidenziato, sono tre punti veramente tosti. Squadra cazzutissima, sotto tutti gli aspetti”.

Leggi anche:  Juventus, rientro di Mattia Perin: si spera nella conferma

Spalletti in conferenza stampa

“Non ci sono giornalisti nostri? Eccone uno di quelli che butta all’aria tutto. Risultato giusto? Non lo so, faccio i complimenti alla mia squadra, lei giudicherà meglio di me. Metto in evidenza il carattere, le qualità, i valori che hanno messo che avevo a volte criticato e che sono state le armi per vincere la partita. Me lo suggerisca lei, è giusto? I cambi in difesa? Avevano cominciato a buttare palla avanti, avevamo occasioni da sfruttare meglio. Non dovevamo abbassarci così tanto, dovevamo continuare a stare quei 10 metri più alti e pressare, ma un po’ di fatica l’abbiamo fatta e quei 10 minuti finali sono comprensibili. Avevamo tutte le carte in regola per continuare come nel primo tempo. Se il Genoa mi faceva paura fisicamente? Guardo le partite, la Roma dovrebbe avere la caratura di grande squadra, ho visto che in 3-4 partite hanno questa qualità che è una continuazione del lavoro di Gasperini. Juric aveva questa dote caratteriale, qualche calciatore si conosce, qualche cosa si sa. Mancanza di Rincon? Volevo fare i complimenti ai miei, Rincon è un gran calciatore, il Genoa ne ha tanti, lotta sempre fino all’ultimo secondo. Volevo dire che abbiamo fatto una grande partita in una situazione tempestosa, per la qualità dell’avversario, per la forza, per il campo che non è dei migliori, per la partecipazione del pubblico abbiamo portato a casa tre punti importanti. Quanto è importante questa vittoria? Hanno vinto tutte le altre. Fondamentale rimanere aggrappati al carro vincente, se perdi una partita resti dietro ed è difficile”.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: van de Beek arriva ad una sola condizione, Inzaghi incontra un suo pupillo...

 

  •   
  •  
  •  
  •