James Pallotta scarica Luciano Spalletti?

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui
James Pallotta

James Pallotta

In un sonnacchioso sabato mattina romano ecco che come un fulmine a ciel sereno cadono a terra le parole di fuoco del Presidente della Roma James Pallotta. Il patron dei Giallorossi ai microfoni della Radio Satellitare Sirius XM FC, emittente esperta in MLS e Premier League, rilascia un’intervista dura come un sasso. Sul banco degli imputati Luciano Spalletti e Walter Sabatini. Tre i temi di attrito, la gestione del mercato estivo (e invernale), la preparazione atletica e la formazione della Roma contro il Napoli. Vediamo nel dettaglio cosa ha detto James Pallotta.

Le parole di James Pallotta ai microfoni di Sirius XM FC

Ho visto la partita con il Lione la cosa frustrante è che abbiamo giocato bene e avuto occasioni, penso che ai giocatori fosse finita la benzina“. Il presidente della Roma, James Pallotta, commenta così la sconfitta di giovedì scorso dei Giallorossi per 4-2 contro il Lione nell’andata degli ottavi di finale di Europa League.

Leggi anche:  Buffon al Parma, il commento di Bargiggia: "Mi fa tristezza, la sua storia non ha senso"

Abbiamo giocatori che stanno giocando tanto, sia a causa degli infortuni, sia perché la scorsa estate non abbiamo fatto tutte le scelte giuste in estate su chi tenere e chi cedere -aggiunge il numero uno del club giallorosso ai microfoni di Sirius XM FC- Potevamo e dobbiamo cambiare politica sui giovani, altre squadre sfruttano la possibilità di usarli per dare un break ai titolari. A 5 minuti dalla fine, Kevin Strootman non tornava. Non per attitudine, lui è un guerriero, e hanno fatto il 4-2 con un missile. Molti hanno giocato tanto, Fazio nelle ultime tre partite ha avuto un momento difficile. Negli ultimi due anni non ha giocato molto, penso sia stanco“.

Nel caso del Napoli, prima della partita non avevo buone sensazioni per la formazione. Abbiamo inserito Salah a 35 minuti dalla fine, con lui abbiamo creato tante occasioni e preso due pali. Ha aperto la partita, magari poteva essere messo prima o dall’inizio. Penso che lo abbia ammesso anche Luciano dopo la partita. Col Napoli potevamo fare meglio, col Lione abbiamo finito la benzina”.

Leggi anche:  Buffon al Parma, il commento di Bargiggia: "Mi fa tristezza, la sua storia non ha senso"

Parole nette anche sull’accordo con la Nike: “Noi dobbiamo fare andare meglio le cose con la Nike, se devo essere onesto. Non sono assolutamente soddisfatto del nostro accordo” e sul progetto Tor di Valle: “Il nuovo impianto ci permetterebbe di essere tra le prime 10 squadre d’Europa per ricavi“. Conclude Pallotta.

James Pallotta scarica Luciano Spalletti?

Se le parole (tradotte e quindi da interpretare nell’intonazione) hanno un senso James Pallotta rinfaccia a Walter Sabatini, e forse anche a Luciano Spalletti, di non aver fatto le scelte giuste in estate su chi tenere e chi cedere. Così come l’entrata a piedi uniti sulla gestione della squadra dell’Uomo di Certaldo contro il Napoli non è di quelle che passano sotto silenzio. E adesso che succede? In attesa delle repliche e delle precisazioni la sensazione è che la storia d’amore fra Pallotta e Spalletti sia giunta al capolinea, con il tecnico che da un lato non rinnova il contratto e ascolta con sempre maggiore interesse le sirene del Valencia (e forse della Juventus) e Pallotta che dal canto suo impegnatissimo nella querelle dello Stadio, che sfoglia la margherita se continuare la sua avventura a Roma o meno. In mezzo come sempre l’immensa passione dei Tifosi Romanisti che continuano a sognare coppe e campioni ma come sempre da Rosella Sensi in poi sono costretti, a un passo dal cielo, a riscendere le scale e a ricominciare la salita.

  •   
  •  
  •  
  •