Manolas: “Non ho mai spinto Nainggolan ad andare via”

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui
Manolas

Manolas e Spalletti

Il difensore della Roma Kostas Manolas è stato intervistato oggi pomeriggio da Sky Sport, con l’ausilio di AdnKronos analizziamo nel dettaglio le sue dichiarazioni: “Il mio futuro? Come ho letto su tutti i giornali mio futuro sarà al Barcellona, al Real Madrid, al Manchester United, all’Arsenal, alla Juventus, all’Inter, al Psg. Il mio futuro lo sa solo Dio e io devo solo fare bene alla Roma, perché la realtà è che io ho ancora due anni di contratto. I tifosi a Roma mi hanno sostenuto sempre, li ringrazio e prometto che darò il 110% e metterò tutto il mio cuore su questa squadra“.

Manolas e il futuro nella Roma

Manolas in seguito è tornato sulla questione del suo futuro e delle affermazioni sul centrocampista belga Radja Nainggolan.”Nainggolan? Non ho mai detto che la Roma non è un grande club, altrimenti io non sarei mai venuto qua. La Roma è un grandissimo club e io non ho mai spinto Radja ad andare via. Ho detto che è un top player che può giocare dove vuole, non ho mai detto che deve andare via dalla Roma, è una scelta sua, non lo devo dire io a dove deve andare“.

Leggi anche:  Nedved: "Ronaldo resta con noi, presto parleremo con Dybala"

Il greco ha parlato anche del tecnico Luciano Spalletti. “Mi ha insegnato di credere sempre alla vittoria, lui è uno che vuole vincere sempre. Difesa a 3 e a 4? Io mi trovo meglio a 4 ma il mister dice che bisogna giocare a tre e mi devo abituare, ma mi trovo meglio a 4. Il miglior difensore in Italia? Chiellini, sempre attento e concentrato. Il più forte attaccante che ho affrontato nel nostro campionato? Higuain“.

Il difensore giallorosso ha parlato poi dei prossimi impegni della Roma. “Empoli? Arriviamo bene a questa sfida, da tre vittorie consecutive, è una partita solo da vincere. L’Empoli non gioca male ma sta in fondo alla classifica, noi dobbiamo essere concentrati e vincere. Che ricordo ho della gara di andata finita 0-0? Bruttissimo, mi sono rotto il naso e abbiamo pareggiato, tutto male“.

Leggi anche:  Tabellone calciomercato estivo Serie A 2021 LIVE: tutti gli acquisti e le cessioni delle venti squadre

Poi sul big match Napoli-Juve, ha proseguito: “Non tifo per nessuno, vedremo una bella partita tra due belle squadre, e vedremo quale sarà il risultato. Vincere un titolo? Speriamo di si, noi ci dobbiamo sempre credere, abbiamo due obbiettivi difficili: contro la Lazio in Coppa Italia partiamo dal 2-0, e siamo a meno 8 alla Juve in campionato, ma ci dobbiamo credere sempre e continuare e lavorare“.

Chiusura di intervista  dedicata al Derby di Coppa Italia di martedì 4 Aprile sul quale ha aggiunto: “abbiamo visto anche con il Lione, dove meritavamo di passare, che se la palla non entra non si può dire niente, ma se facciamo la stessa partita con Lione sono molto fiducioso che possiamo fare la rimonta. La rimozione delle barriere allo stadio? Mi è piaciuto, ci sono mancati tantissimo i nostri tifosi, ora lo stadio sarà tutto pieno e sarà una spinta extra per noi per fare la rimonta“.

  •   
  •  
  •  
  •