Crisi nerazzurra: dura critica dell’ex Inter Mancini. “Dirigenti non tutti ottimi…”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Inter Mancini, l’ex allenatore individua i presenti “responsabili” della crisi

Il momento negativo dell’Inter in campionato, con le due sconfitte consecutive contro Sampdoria e Crotone, oltre a rendere molto complicata la strada che porta in Europa ha scatenato le ire dei tifosi nerazzurri. L’ambiente interista è tornato ad essere molto incandescente ed il prossimo derby contro il Milan rappresenta un banco di prova inappellabile per Icardi e compagni. Un’eventuale sconfitta contro i rossoneri renderebbe un “tormento” il finale di stagione dell’Inter che si ritroverebbe ancora una volta al termine della stagione con un pugno di mosche in mano ed un futuro da ricostruire nuovamente dalle basi ( o quasi).  La situazione di difficoltà della formazione nerazzurra riporta indietro la memoria all’era De Boer ed alle precedenti tensioni vissute nell’ultimo periodo del Mancini bis. E proprio l’ex allenatore dell’Inter Mancini oggi è tornato a parlare della propria esperienza sulla panchina dell’Inter non risparmiando frecciate nei confronti dei suoi ex dirigenti. Nel corso di un’intervista a Sky Sport 24 Mancini è tornato a parlare dell’Inter esprimendo giudizi molto duri e critici sulla società nerazzurra. Mancini è anche tornato sui motivi che lo hanno spinto a lasciare la squadra durante il ritiro estivo dello scorso anno.

Leggi anche:  Beppe Bergomi su Conte: "Protesta giusta, c'era un espulsione. Al Milan mancavano tanti giocatori..."

“La squadra ha ottimi giocatori, non so se si può dire altrettanto dei dirigenti.Bisogna vedere di chi parliamo, qualcuno c’è ma a volte, come è capitato a me, nel caos societario i dirigenti devono adattarsi alla situazione.
Ero nel mezzo del caos che c’è stato tra luglio e agosto e non si capiva bene. Non ho deciso a cuor leggero, mi è dispiaciuto molto: quando torni in un posto dove hai vinto speri di rivincere, ma ovviamente ci vuole un po’ di tempo. Quando si pensa di aver fatto il peggior risultato del mondo alle volte si gettano le basi per poter ripartire”.

La riflessione di Mancini sui dirigenti nerazzurri apre effettivamente un ampio dibattito sulla reale capacità manageriale di alcuni rappresentanti della società interista. Nel dopo partita contro il Crotone la squadra è stata messa in croce ( giustamente) per la prestazione di cui si era resa protagonista contro i calabresi ma dalle parti di Appiano Gentile bisognerebbe anche chiedersi il perchè, ad esempio, di alcune scelte di mercato fatte la scorsa estate. Gli acquisti di Joao Mario ( fotocopia di Banega), di Gabigol ( meteora….) , di Kondogbia l’anno prima sono costati all’Inter più di 100 milioni di euro ed oggi gli stessi giocatori ( a parte il francese ultimamente) non vedono mai o lo vedono poco il campo….Magari oltre a condannare giustamente la squadra con il ritiro anticipato in vista del derby Suning dovrebbe anche iniziare a valutare la capacità di alcune figure interne alla dirigenza nerazzurra….

  •   
  •  
  •  
  •