Milan riecco Suso, l’insostituibile di Montella dal futuro incerto

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
suso

Suso, il suo futuro al Milan resta incerto

Fino all’infortunio capitatogli durante Juventus-Milan del 10 marzo, Suso era stato sempre impiegato nel Milan di Montella. Lo spagnolo è stato uno dei cardini rossoneri in questi stagione, la sua mancanza con Genoa e Pescara si è sentita, eccome. Nelle ultime due partite i rossoneri hanno realizzato solo due gol, con Mati Fernandez e Pasalic. Attaccanti dunque a secco negli ultimi due match di campionato. Non è un caso che le punte di Montella non abbiano segnato, senza Bonaventura e Suso i rifornimenti calano drasticamente. Negli ultimi 180 minuti Bacca e Lapadula hanno ricevuto pochissimi palloni giocabili. Anzi spesso i due centravanti di Montella hanno dovuto spesso arretrare per cercare di essere più coinvolti nel gioco rossonero. Ecco che quindi il ritorno di Suso diventa fondamentale per la rincorsa europea del Milan. Lo spagnolo dovrebbe tornare in gruppo già in settimana per essere poi a disposizione con il Palermo. Contro i rosanero Montella potrebbe verificare le condizioni di Suso in vista del derby con l’Inter del 15 aprile. Dopo il passo falso di Pescara la stracittadina contro i nerazzurri diventa uno snodo cruciale per la stagione del Milan. Nelle ultime 8 giornate di campionato i rossoneri possono fare soltanto una cosa, vincere. Nelle prossime quattro partite gli uomini di Montella affronteranno Palermo, Inter, Empoli e Crotone. Un calendario non impossibile, ma come dimostra la partita di Pescara i punti bisogna sudarseli sul campo, altrimenti le tabelle vanno a farsi benedire.

Leggi anche:  Roma, giovedì elettrico a Trigoria: "Non ci alleniamo"

Suso, il futuro resta un enigma:” Vediamo cosa succede in estate”

Il mio futuro? Vediamo cosa succede in estate, un giorno mi piacerebbe tornare in Spagna”, queste le parole di Suso rilasciate ad As che non lasciano tranquilli i tifosi del Milan. Lo spagnolo si è messo in grande mostra in questa stagione, attirando su di sé le attenzioni di tanti club europei. Le incertezze societarie non aiutano in questo momento. Suso, così come altri gioielli rossoneri, hanno bisogno di chiarezza per il futuro. Il closing servirà soprattutto a blindare i giovani talenti di Montella. Il contratto di Suso, così come quello di Donnarumma, deve essere allungato e adeguato. Montella ha esaltato al massimo Suso, così come con Deulofeu. Ma mentre per l’ex Barcellona il Milan non è direttamente responsabile per il futuro, per l’ex Liverpool dipende solo da quello che succederà nelle prossime settimane a livello societario. Il rischio di perdere Deulofeu è alto, sarebbe troppo perdere anche Suso. Con l’arrivo della primavera il cardellino spagnolo è pronto a cantare ed incantare, sperando che in estate le ali non lo portino lontano da Milanello. Magari il prossimo calciomercato porterà qualche connazionale di Suso, come Morata e Isco. Un diavolo che potrebbe essere più spagnolo. Con Montella che è il più iberico degli allenatori italiani in panchina.

  •   
  •  
  •  
  •