Formazioni Pescara-Juventus: Allegri senza Khedira, Zeman con il dubbio Bahebeck

Pubblicato il autore: Salvatore Masiello Segui

Massimiliano Allegri

Dimenticare per un po’ la grande gara di martedì scorso contro il Barcellona e concentrarsi sul campionato: ecco l’ordine di Massimiliano Allegri alla sua Juventus, attesa sabato 15 aprile dall’apparente facile trasferta sul campo del Pescara. La compagine bianconera è prima in classifica con sei punti di vantaggio sulla Roma, situazione certamente buona, ma non sufficiente per avere piena tranquillità, soprattutto perché dopo quella di oggi, ci saranno altre sei partite da disputare, compreso anche lo scontro diretto allo Stadio Olimpico contro i giallorossi. Nella conferenza stampa di vigilia, il tecnico toscano ha sottolineato la difficoltà di questo tipo di gara ed voluto mantenere alta la concentrazione: “Queste partite diventano trappole se non le affronti con lo spirito giusto, vale tre punti per noi quindi bisognerà esserci con la testa. Inoltre correre alle 15 è più complicato, servirà più tecnica. Noi favoriti in Champions League? Fa piacere ed è normale che dopo martedì ci sia entusiasmo, ma questo è un momento pericoloso, non bisogna vivere di esaltazioni, ma di equilibrio”. Parole importanti quelle di Allegri, il quale in verità ha iniziato la conferenza con una dichiarazione sul passaggio di proprietà che ha visto protagonista il Milan: “Volevo fare un saluto di ringraziamento al presidente Berlusconi e a Galliani per avermi dato la possibilità di allenare il Milan. Mancheranno al calcio italiano di cui hanno fatto la storia”. Ricordiamo, infatti, che in due stagioni e mezzo sulla panchina rossonera, l’allenatore toscano ha vinto uno Scudetto e una Supercoppa Italiana.

Leggi anche:  Dove vedere Mainz-Genoa in tv e in streaming, amichevole 31 luglio 2021

Probabili formazioni Pescara-Juventus: Neto torna tra i pali, dubbio Bahebeck per Zeman
I padroni di casa hanno più di un piede in Serie B, ma vogliono regalare ai propri tifosi una grande soddisfazione, ovvero battere la Vecchia Signora o almeno renderle la vita difficile. Zeman conferma il solito 4-3-3, con Muntari regista davanti alla difesa, mentre in attacco dovranno essere valutate le condizioni di Bahebeck, il quale si è allenato poco in settimana a causa di un problema muscolare; se l’ex Psg non dovesse farcela, spazio a Brugman nel tridente completato da Benali e Caprari. “Affrontare la Juventus non è mai come mai come affrontare le altre – ha dichiarato il boemo – squadre perchè è la più forte da anni. Ha soldi e organizzazione e in Champions League mi ha impressionato perché non è semplice schiacciare il Barcellona”. In casa bianconera, Allegri farà comunque un po’ di turnover in vista del ritorno europeo al Camp Nou di mercoledì prossimo: in porta spazio a Neto, mentre al centro della difesa giocheranno Barzagli e uno tra Rugani e Benatia; a centrocampo Khedira non è stato nemmeno convocato e lascerà spazio a Claudio Marchisio, ma non è escluso che anche Pjanic possa restare in panchina. mentre In avanti l’unico a riposare potrebbe essere Cuadrado, che dovrebbe essere sostituito da Lemina. Il reparto offensivo, quindi, ruoterà ancora attorno a Paulo Dybala, fresco di rinnovo del contratto fino al 2022.

Leggi anche:  Braida a TS: "Pjanic vorrebbe tornare alla Juventus. E sul Pallone d'Oro...

Pescara (4-3-3): Fiorillo; Zampano, Campagnaro, Coda, Biraghi; Coulibaly, Muntari, Memushaj; Benali, Caprari, Brugman

Juventus (4-2-3-1): Neto; Lichtsteiner, Barzagli, Rugani, Asamoah; Pjanic, Marchisio; Lemina, Dybala, Mandzukic; Higuain

  •   
  •  
  •  
  •