Milan, avanti piano. L’attacco preoccupa Montella in vista di Roma e Atalanta

Pubblicato il autore: Antonio Guarini
montella

Montella è fiducioso, ma ora arrivano Roma e Atalanta

Il Milan raccoglie un solo punto a Crotone, ma l’Europa è più vicina per Montella grazie alle sconfitte di Fiorentina e Inter. Se per i nerazzurri erano ipotizzabili difficoltà contro il Napoli, totalmente imprevisto lo stop dei viola contro un Palermo quasi retrocesso. Il pareggio dello Scida quindi regala un piccolo sorriso a Montella, ma la striscia senza vittorie si allunga a quattro partite. E’ sempre l’attacco a preoccupare il tecnico rossonero, Bacca sembra sparito, Lapadula lotta ma conclude poco. Suso e Deulofeu creano tanto, ma non sono certo dei bomber e non lo saranno mai. Come spesso è accaduto in questa stagione i rossoneri hanno avuto un pessimo avvio di partita. La prima mezz’ora è stata tutta dei pitagorici che dopo il vantaggio di Trotta avrebbero potuto anche segnare il raddoppio. Poi il Milan è entrato piano piano in partita. Il gol rocambolesco di Paletta ha rimesso in piedi un match che poi poteva anche essere vinto. Ma il Milan non sembra avere la giusta cattiveria in area di rigore. Gli avanti rossoneri spesso girano al largo, ininfluenti e tardivi i cambi di Montella. Bacca e Ocampos non hanno aggiunto nulla all’assolato pomeriggio calabrese. Infine ingenuità di Kucka, già ammonito lo slovacco perde l’ultimo pallone del match e commette fallo. Seconda ammonizione, espulsione, squalifica e addio Roma. I giallorossi saranno i prossimi avversari di un Milan che si gioca l’Europa League nelle ultime quattro giornate di campionato. Roma, Atalanta,Bologna e Cagliari con +3 sull’Inter e +4 sulla Fiorentina. 360 minuti dove i rossoneri dovranno ritrovare la compattezza e la concretezza del girone di andata altrimenti sarà stata un’altra annata opaca.

Leggi anche:  DAZN Standard nuova offerta: prezzo scontato fino al 2 ottobre

Milan, Montella:” Non ho niente da rimproverare ai miei, obiettivo a portata di mano”

Un punto tra Empoli e Crotone, non proprio il bottino che si attendeva Montella nella corsa all’Europa League. Il distacco da Lazio e Atalanta è diventano pressoché incolmabile. Nel mese di aprile il Milan ha vinto soltanto una volta, in casa contro il Palermo. I pareggi con Pescara, Inter e Crotone e la sconfitta contro l’Empoli hanno complicato di molto la strada verso la qualificazione europea. Anche perché il sesto posto vuol dire preliminari a fine luglio, con tutti i problemi che questo comporta in una stagione pre-Mondiale. Montella però non fa una piega, il tecnico rossonero parla così del match contro il Crotone:Abbiamo fatto il massimo, i ragazzi hanno dato tutto, non ho niente da rimproverargli”. Montella parla così dei prossimi impegni:“La squadra è viva, mette ogni energia in campo e lavoreremo per la prossima partita. Ora finalmente per le nostre caratteristiche il calendario diventa facile”. Roma e Atalanta diranno quanto varrà la stagione del Milan, poi sarà mercato, cosa di cui hanno assolutamente bisogno, con o senza Europa League.

  •   
  •  
  •  
  •