Milan, è Suso l’uomo della pioggia. Montella, c’è da lavorare per la Champions

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
suso

Milan, è sempre Suso il salva Montella

Milan, Suso salva i rossoneri. Tanti nuovi acquisti, ma il faro dei rossoneri è sempre lui, Suso. Come nella scorsa stagione il fantasista spagnolo si mette il Milan sulle spalle e lo trascina alla vittoria. Un assist e un gol contro il Cagliari per l’ex Liverpool che diventa sempre più prezioso per Montella. Due giornate di campionato, due gol fatti e due assist vincenti per Suso. Il gioco offensivo dei rossoneri passa quasi inevitabilmente attraverso i preziosi piedi del numero 8. In attesa della sospirata firma sul prolungamento di contratto è lui l’uomo in più del Milan in questo avvio di stagione. D’altronde per risolvere un match intricatissimo come quello con il Cagliari di Rastelli serviva il colpo del campione e così è stato. Contro i sardi gli uomini di Montella hanno giocato certamente la peggior partita stagionale. Bene fino al gol di Cutrone, poi la troppa confidenza ha lasciato campo e possesso palla al Cagliari che si è fatto più volte pericoloso dalle parti di Donnarumma. Qualche incertezza nel reparto difensivo dove Bonucci-Musacchio hanno sofferto le sortite dei vari Joao Pedro, Farias e Sau.

Leggi anche:  Telecronisti Serie A, 5.a giornata: il palinsesto di Sky e DAZN

A centrocampo male Calhanoglu. Il turco è sembra svogliato e avulso dal gioco, fino all’inevitabile cambio con Biglia. L’ex Bayer Leverkusen non sembra a suo agio nel ruolo di mezzala sinistra. Calhanoglu nasce trequartista, Montella avrà tanto da lavorare su di lui. Luci e ombre per Kessié. L’ivoriano è stato in ombra fino al pasticcio che ha consentito al Cagliari di pareggiare. Da lì in poi però grazie alla sua grande personalità si è visto il vero Kessiè. Tanti palloni recuperati, qualche strappo importante per far respirare la squadra e i ritrovati applausi di San Siro. Sulle fasce Conti e Rodriguez fiutato il pericolo hanno limitato le loro sortite offensive al minimo indispensabile. In avanti bene ancora Cutrone. Il baby bomber ha segnato il terzo gol in una settimana, ormai è una certezza per Montella. Detto di Suso, è piaciuto Borini. L’ex Parma e Sunderland viene apprezzato per le sue grandi doti di corsa. Non gli si può chiedere anche la qualità, sarebbe troppo. Il Milan dunque chiude positivamente il primo miniciclo stagionale. I rossoneri alla ripresa avranno la Lazio all’Olimpico, lì servirà tutta un’altra squadra rispetto a quella distratta vista domenica sera a San Siro.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Torino-Lazio: streaming e diretta tv DAZN o SKY?

Montella si coccola Suso:”Non è mai stato sul mercato. Dobbiamo lavorare tanto”

Vincenzo Montella sorride a fine partita, ma sa che il suo Milan deve migliorare tanto. L’allenatore rossonero si coccola Suso:”Non è mai stato sul mercato. E’ un giocatore importante per noi e può crescere ancora molto”. Montella sa che non era facile affrontare questo primo ciclo di match:”Abbiamo cominciato presto, con tanti viaggi e tanti giocatori nuovi da inserire. L’ho detto dal primo giorno a Milanello, dobbiamo lavorare tanto per raggiungere i nostri obiettivi”. Il tecnico milanista sul cambio Biglia-Calhanoglu:”Avevo bisogno di più  sostanza in mezzo e di tenere di più la palla. Con Biglia siamo andati meglio”. Tra tanti nuovi acquisti Montella ha una parola buona per un senatore rossonero:”Montolivo ha giocato una partita eccellente. I vecchi del gruppo sono fondamentali per far inserire i nuovi, li ringrazio per quello che stanno facendo”.

Sei punti in due partite e qualificazione ai gironi di Europa League, il Milan può vivere la sosta in maniera piuttosto tranquilla. I rossoneri però devono crescere sotto tanti punti di vista per lottare con le altre grandi del campionato, ma questo Montella lo sa fin troppo bene.

  •   
  •  
  •  
  •