Inter, Candreva trequartista? Spalletti ci pensa. Karamoh-Cancelo sulla destra

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
candreva

Inter, problema Candreva per Spalletti

Inter, salvate il soldato Candreva. Sostituito e fischiato con il Genoa domenica scorsa al momento del cambio con Eder. E non è la prima volta. Non è un momento facile per Antonio Candreva, diventato il bersaglio delle critiche dei tifosi nerazzurri. L’ex laziale ci mette tanta buona volontà, crossa tanto e corre a perdifiato sulla fascia ma i risultati stentano ad arrivare. Contro il Genoa l’ingresso in campo di Eder e Karamoh ha dato nuova linfa alla manovra nerazzurra, piuttosto involuta per i primi 70 minuti. Ecco quindi che Spalletti pensa alla soluzione alternativa, Candreva trequartista alle spalle di Icardi. Sarebbe un ritorno alle origini per lui, che al debutto in serie A giocava proprio in quel ruolo. Stagione 2009/2010, Candreva gioca nel Livorno dietro Lucarelli e attira le attenzioni della Juventus che infatti a gennaio lo acquista. Joao Mario e Brozovic non convincono sulla trequarti, quindi ecco l’idea dello spostamento di Candreva.

Leggi anche:  Atalanta, Koopmeiners si fa largo: ha già impressionato Gasperini

Una soluzione che potrebbe diventare realtà già nella prossima trasferta di Benevento. Complice il prossimo rientro di Joao Cancelo. Il portoghese, nei pochi minuti giocati contro la Roma, è stato schierato come esterno destro d’attacco. Segno che Spalletti forse lo giudica con caratteristiche troppo offensive per schierarlo nei quattro di difesa. Su quella fascia poi c’è anche il giovane Karamoh. L’ex Caen ha molto impressionato domenica scorsa con il Genoa al suo ingresso in campo. Discorso diverso per Eder, che Spalletti vede meglio a partita in corso. Settimana di prove dunque ad Appiano Gentile in vista del Benevento e del derby post-sosta.

Inter, Candreva alle spalle di Icardi per giocare meglio

16 punti in 6 partite, roba da metterci la firma prima dell’inizio del campionato. In casa Inter però il sorriso non è proprio ampio. Spalletti sa per primo che bisogna giocare meglio, già a partire da domenica prossima con il Benevento fanalino di coda. Il tecnico nerazzurro non sembra volersi muovere dal 4-2-3-1, da sempre suo modulo di riferimento. Gli equilibri difensivi raggiunti con questo modulo sono troppo importanti per andare a toccarli. L’Inter è la migliore difesa del campionato, risultato straordinario se si pensa ai disastri della stagione passata.

Leggi anche:  Sky o Dazn? Dove vedere Napoli Cagliari: diretta tv e streaming

In attacco le cose non vanno così bene. Tre gol segnati contro Crotone, Bologna e Genoa comportano più di una riflessione. Spalletti deve cercare il modo di portare più uomini in zona gol. Icardi e Perisic hanno segnato 9 dei 12 gol stagionali. Candreva, Joao Mario e Brozovic sono giocatori che devono assolutamente incidere di più in zona gol. Bene, ma non benissimo dunque in casa Inter. Se davvero si vuole pensare di arrivare al livello di Juventus e Napoli allora bisogna alzare l’asticella. Prove tecniche di trasmissione in vista del Benevento, poi la sosta e il derby con il Milan. Lì non si potrà sbagliare, Spalletti vuole continuare a far volare l’Inter a vele spiegate verso l’alto.

  •   
  •  
  •  
  •