Juventus-Torino, Pjanic accende il derby: “Cento milioni per Belotti? Troppi”

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

Pjanic
Domani sera si gioca, il primo derby della stagione, Juventus-Torino, l’ultimo anticipo della sesta giornata del campionato di Serie A 2017/2018 in programma alle 20.45 all’Allianz stadium, casa dei bianconeri. Le due squadre arrivano a questa partita motivatissime e reduci dalle vittorie nel turno infrasettimanale. Ad accendere la viglia del match ci sono come al solito le dichiarazioni dei giocatori delle due squadre sull’avversario i turno. Il centrocampista bianconero Miralem Pjanic ha parlato del Toro e del suo cannoniere principale, Andrea Belotti.
Ecco le sue parole rilasciate a La Stampa.

Belotti è bravissimo ma.. :”Sta facendo benissimo come al solito, è un grande centravanti, ma sul mercato secondo me, non vale 100 milioni di Euro, mi sembrano un pò troppi. Li valeva Cristiano Ronaldo, ma qui parliamo di un giocatore che segna costantemente due – tre gol a partita, e che ora vale quasi il doppio di questa cifra, al suo livello c’è solo Leo Messi, con queste cifre il mercato è decollato, però paragonare un giovane a questi due assi, è affrettato”.

Higuain si riprenderà :”E’ un giocatore straordinario, e io e i miei compagni, lo sosterremo sempre. Higuain deve solo ritrovare la via del gol, quando non lo trovi, è una cosa che capita a tutti gli attaccanti, ma noi gli saremo sempre vicino, se vede che noi siamo dalla sua parte, può affrontare le partite in modo sereno, un giocatore del suo livello, vuole sempre sentirsi importante.”

L’avversario più pericoloso :”Tutti conosciamo le qualità di Belotti, ma io credo, che Adem Ljajic non sia da meno, e’ un amico, ci vediamo spesso, e gli voglio veramente bene, E’ un giocatore di grande talento, e quando gioca tra le linee, fa la differenza, quello che gli è sempre mancato, è la continuità di rendimento in zona gol, ma se continua come sta facendo… nel calcio di oggi, contano i numeri. Chi tira meglio le punizioni tra me e lui? non spetta a me decidere, però l’anno scorso ne ha calciata una e ha fatto gol …” Sinisa Mihajlovic –
:”E un bravo allenatore, ma sopratutto una bravissima persona, da bambino era il mio idolo, sulle punizioni ho imparato tanto da lui, il suo modo di calciare, mi ha sempre impressionato, fantastico, di interno piede a girare, con quella forza, era spettacolare, uno specialista da ammirare e imitare”.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie A, stasera Sassuolo-Torino: le probabili formazioni