Milan, Biglia-Bonaventura recuperi fondamentali per Montella. C’è da risolvere l’enigma Calhanoglu

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
montella

Milan, Montella aspetta Bonaventura

Milan, centrocampo nuovo per Montella dopo la sosta. Kessiè-Biglia-Bonaventura, questa la linea mediana che ha in mente Vincenzo Montella per il suo Milan versione 2017/2018. Il tecnico rossonero per vari motivi fino ad ora non ha avuto modo di schierare i tre insieme contemporaneamente. Infortuni e nazionali permettendo il nuovo centrocampo rossonero potrebbe cominciare a giocare già dalla trasferta contro la Lazio di domenica prossima. Kessiè e Biglia sono impegnati con le rispettive nazionali, mentre Bonaventura è rimasto ad allenarsi a Milanello. I due nuovi arrivi hanno giocato insieme l’ultima mezz’ora contro il Cagliari nell’ultimo match giocato dai rossoneri. Sull’1-1 Montella ha inserito Biglia al posto di Calhanoglu e l’argentino ha dimostrato il suo essere leader anche nei pochi minuti giocati contro i sardi.

Il recupero di Bonaventura diventa fondamentale anche per Calhanoglu. Il turco infatti ha dimostrato di non essere a suo agio nel ruolo di mezzala sinistra. Montella è intenzionato a farlo giocare più avanti, sulla linea degli attaccanti. L’ex Bayer Leverkusen diventa importante quando può giocare fronte alla porta, negli ultimi 30 metri del campo. Montella per agevolare Calhanoglu potrebbe anche cambiare modo di giocare. L’allenatore dell Milan potrebbe trasformare il suo 4-3-3 in un 4-2-3-1 con Suso e Bonaventura ai lati del turco che giocherebbe dietro il centravanti di riferimento. Un’ipotesi in alternativa al modulo di riferimento, così come il 3-5-2. Quest’ultimo darebbe più libertà a Conti e Rodriguez, ma toglierebbe certamente dal campo uno tra Suso, Bonaventura e Calhanoglu. Montella intanto si augura di averli il più possibile a destinazione. Il Milan ha bisogno di tutti i suoi giocatori di qualità e fantasia per affrontare una stagione lunga e impegnativa.

Leggi anche:  Coppa Sudamericana: storica affermazione del Defensa y Justicia

Montella e una panchina forse troppo lunga

Montella e il rischio scontenti. Il calciomercato è ormai chiuso, anche se fino all’8 settembre c’è tempo per piazzare qualche esubero in Turchia. Il Milan, oltre che in entrata, ha lavorato molto bene in uscita. Fassone e Mirabelli però non sono riusciti a piazzare Sosa, Paletta e Gustavo Gomez. Come detto per loro c’è ancora la pista turca aperta, ma i tre sembrano ormai destinati a restare a Milanello almeno fino a gennaio. Paletta non ha trovato l’intesa con la Lazio, Sosa ha rifiutato il Trabzonspor e il Fenerbahce non ha fatto l’offerta giusta per Gomez. Tre giocatori che difficilmente troveranno molto spazio, ma che comunque sono stati inseriti nella lista dell’Europa League.

Ma ci sono anche altri giocatori della rosa del Milan che potrebbero fare fatica a trovare spazio nei prossimi mesi con la maglia rossonera. Davide Calabria sembra essere l’ultima scelta per quanto riguarda i terzini, visto che Abate e Antonelli sembrano i primi cambi per Conti-Rodriguez. Anche Josè Mauri è rimasto al Milanello, Nonostante la corte del Bologna l’ex Parma è stato trattenuto al Milan. Non sarà facile per l’italo-argentino ritagliarsi un po’ di spazio vista la grandissima concorrenza a centrocampo. In attacco Andrè Silva dovrà sgomitare non poco. Il portoghese è stato pagato tanto, ma tra Cutrone che segna a raffica e il neo arrivato Kalinic, pupillo di Montella, ci sarà da sudare per giocare. Il tecnico rossonero dovrà essere bravo a mantenere tutti sulla corda e far sentire tutti partecipi al progetto Milan 2017/2018.

  •   
  •  
  •  
  •