Milan, l’ex Pincolini: “Tira una brutta aria a Milanello. Grande pressione su Montella”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
pincolini

Milan, l’ex Pincolini attacca i rossoneri

Milan, parla l’ex Pincolini. Che a Milanello tiri una brutta aria se ne sono accorti tutti, anche chi da molto tempo non frequenta più il centro sportivo rossonero. Vincenzo Pincolini, ex preparatore atletico degli anni d’oro di Sacchi e Capello, parla dell’attuale situazione del Milan. “C’è un’aria malefica che coagula questi malesseri e ne fa un problema. C’è un corso e ricorso di persone che sono state responsabili, poi sono cadute dietro e nuovamente tornate su. La chiarezza, prima di tutto, deve farla il club. Queste società organizzate con la testa in Cina, con la pressione di dover fare risultato oggi, ogni giorno devono trovare capri espiatori. Se c’è qualcuno che soffia sul fuoco, di fuochi il mondo del calcio ne può trovare ogni giorno. Non millanto, gli spifferi vengono fuori. La preparazione fisica è fatta da chi è sul campo e da gente che vuole mettere a tutti i costi il camice per fare lo scienziato. Con gli scienziati però non si è mai vinto, con la gente preparata si”.

Pincolini sostiene che al Milan si stia vivendo una sorta di dejavu. “Mi sembra di rivivere una situazione in cui io mi trovavo al centro. Al Milan c’è questa coda di Milan Lab che ogni tanto si muove dietro le quinte che mette a fuoco qualcuno perché vuole tornare in auge. Nel 2002 non accettavo determinate situazioni, un po’ come credo sia successo a Marra oggi. Lo conosco come stimatissimo professionista, è stato messo nel mirino da qualcuno che a Milanello vuole tornare in auge. Mi sembra che ci sia una brutta atmosfera. Quando l’allenatore deve subire certe pressioni, l’aria può diventare irrespirabile”. Vedremo se le parole di Pincolini avranno risonanza dalle parti di Milanello, dove nonostante i tanti alberi l’aria si fa sempre più rarefatta per i rossoneri.

Leggi anche:  Serie A, la panoramica sul quarto turno: si parte con Sassuolo-Torino, domenica sera il big match Juventus-Milan

Milan, con chi ce l’ha Pincolini? Tognaccini o Dominici per il dopo Marra

Parole mirate e decise quelle di Vincenzo Pincolini, uno che Milanello lo conosce bene. Milan Lab è stata un realtà sempre piuttosto controversa all’interno della struttura sanitaria rossonera. Fortemente voluta da Adriano Galliani, è stato messo spesso al centro delle critiche per i numerosi infortuni subiti dai giocatori del Milan nel corso degli anni. A capo di Milan Lab c’è da anni Daniele Tognaccini. Uno di quelli che, secondo le parole di Pincolini, forse vuole tornare in auge. Tognaccini era molto in alto negli anni di Ancelotti, poi gradualmente è finito dietro le quinte milaniste. Ora, dopo l’addio di Marra, peraltro ufficializzato dallo stesso Montella sui social,  potrebbe tornare ad assumere un ruolo di primo piano a Milanello.

Leggi anche:  Le italiane in Europa: un primo bilancio delle "7 Sorelle"

Altro candidato ad assumere la guida della preparazione atletica del Milan di Montella è Bruno Dominici. Attualmente Dominici è il preparatore atletico della Primavera rossonera allenata da Rino Gattuso. In passato è stato anche in prima squadra, durante la breve avventura di Clarence Seedorf sulla panchina del Milan. I vertici rossoneri decidano in fretta a chi affidare l’eredità di Marra, il Milan deve tornare a correre e in fretta.

  •   
  •  
  •  
  •