Serie A, il programma della 2.a giornata. Da sabato in campo con i 2 anticipi

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui

Archiviata la pausa delle Nazionali, la Serie A è pronta a scendere di nuovo in campo. Si riprende dalla situazione che avevamo lasciato una settimana e mezza fa, ovvero con 5 squadre a pieni punti, Juventus, Napoli, Inter, Milan e Sampdoria, frutto di 2 vittorie nelle prime due giornate di campionato.

Inizia il periodo più complicato, soprattutto per le squadre impegnate nelle coppe europee, con tre partite da disputare ogni settimana, nel quale sarà fondamentale mantenere la concentrazione per perseguire gli obiettivi prefissati. Le prime squadre a scendere in campo, sabato 9 settembre saranno Juventus e Chievo sabato alle 18 e Sampdoria-Roma alle ore 20:45. Sulla carta sono due match molto differenti; la Juventus ha come obiettivo quello di battere senza troppi patemi il Chievo per mantenere la testa della classifica, ma anche per potersi concentrare in vista della super sfida valida per la Champions League di martedì sera al Camp Nou contro il Barcellona. Dunque, sarà previsto un ampio turnover per consentire soprattutto ai nazionali un riposo ottimale.
Per quanto riguarda la Roma, la sfida di sabato sera contro la Sampdoria di Giampaolo sarà un test per valutare la squadra di Di Francesco dopo il brutto ko subìto contro l’Inter nell’ultimo turno di campionato prima della sosta. Tra l’altro l’avversario sarà parecchio scomodo, perché la Samp è una squadra che corre molto e su questo piano la Roma potrebbe trovare difficoltà. E qui Eusebio Di Francesco dovrà fare attenzione, dato che le prestazioni opache contro Atalanta ed Inter hanno fatto storcere il naso a molti tifosi, ed una mancata vittoria potrebbe creare malumori nella piazza.

Leggi anche:  Probabili formazioni Inter Bologna: esordio dal 1' per Dumfries?

Domenica 10 settembre il programma restante della giornata, con all’ora di pranzo l’Inter che ospita la Spal, formazione che abbina la freschezza giovanile con l’esperienza di giocatori più chilometrati. Si tratta di una sfida d’altri tempi ed anche storica, assente in Serie A dal lontano campionato 1967-1968, quando l’Inter si impose per 2-0 a San Siro, e per 2-1 a Ferrara.
Sempre domenica, si torna a giocare alle 15, con il big match Lazio-Milan che torna a giocarsi al pomeriggio dopo 8 anni. Si tratta di un vero banco di prova, che potrà fornire preziose indicazioni su dove potrà arrivare la squadra di Vincenzo Montella dopo lo scoppiettante calciomercato estivo che ha portato all’ombra della Madonnina numerosi acquisti di prestigio e dopo i test poco probanti contro squadre di bassa fascia incontrate ai preliminari di Europa League. Già contro il Cagliari si sono viste delle situazioni pericolose che hanno fatto preoccupare i tifosi rossoneri. Contro la Lazio riceveremo le risposte attese riguardo alla vera forza del Milan, che dovrà anche prepararsi all’esordio europeo di giovedì, dopo 3 anni e mezzo di astinenza. Anche la Lazio dovrà dare delle risposte, perché 1 vittoria ed un pareggio nelle prime due giornate di campionato sono un piccolo bottino per la squadra che ha vinto la Supercoppa Italiana ai danni della Juventus un mese fa.

Leggi anche:  Serie A, Genoa-Fiorentina le probabili formazioni: out Caicedo, c'è Ekuban

Nel pomeriggio le altre partite saranno: Atalanta-Sassuolo, Cagliari-Crotone, Udinese-Genoa e Verona-Fiorentina. Su questi quattro match fari puntati sull’Atalanta chiamata al riscatto dopo 2 sconfitte consecutive, dopo la sorprendente stagione passata, e sulla Fiorentina anch’essa reduce da due ko consecutivi che hanno già fatto iniziare a traballare la panchina di Stefano Pioli.
Alle 18 scenderanno in campo Benevento e Torino, partita inedita nei campionati nazionali come antipasto al posticipo di domenica sera alle 20:45 al Dall’Ara di Bologna, dove si affronteranno i Felsinei ed il Napoli.
Bologna per tentare l’impresa memore del clamoroso 1-7 incassato nella stagione scorsa sempre ai danni della banda di Maurizio Sarri, in un match che sulla carta è senza storia. La differenza tra le due squadre è evidente.
Sarà un weekend che offrirà grandi risposte per un campionato di Serie A che sta per entrare nel vivo e fornirà delle precise indicazioni su chi potrà lottare per il tricolore e su chi dovrà accontentarsi di lottare per un posto in Europa, per un campionato che sembra più che mai incerto, come non lo era da anni.

  •   
  •  
  •  
  •