Borja Valero si prende l’Inter: Spalletti gli affida il centrocampo

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

 

borja valero si prende l'inter

nella foto: Borja Valero

È uno degli ultimi arrivi in nerazzurro, ma Borja Valero si prende l’Inter per il suo carisma, il suo spirito di sacrificio e la sua affidabilità a centrocampo, tanto da diventare il beniamino del pubblico di San Siro ma anche del tecnico Spalletti. L’ex tecnico giallorosso era sulle piste dello spagnolo già l’anno scorso, quando Borja vestiva i panni della Fiorentina e orchestrava magicamente la squadra di Paolo Sousa, e l’ha voluto fortemente nella sua avventura a Milano, puntando forte su di lui e vincendo la sua scommessa.

“In questi giorni alla Pinetina siamo in pochi, con alcuni si lavora per spiegargli meglio le cose. Con lui ci si siede, si sta zitti e ce le si fa spiegare”. (Dichiarazioni di Spalletti su Borja Valero riportata dal sito gazzetta.it).

Leggi anche:  Romero, un crac azzeccato in casa Atalanta. Difesa rivitalizzata

Spalletti si espone con queste parole parlando di Borja Valero, calciatore che ha iniziato ad allenare quest’anno ma che sembra averlo avuto sempre in squadra. Oltre a essere stata la prima richiesta fatta alla dirigenza nerazzurra dal nuovo tecnico, il centrocampista spagnolo risulta essere stato il più impiegato nell’Inter, ha praticamente giocato sempre e in ogni partita ha dato il suo contributo. L’ex giocatore viola risulta essere il miglior centrocampista della serie A, superando anche lo juventino Pianic nel numero di palloni giocati e ridistribuiti ai compagni. Un vero e proprio genio in mezzo al campo di cui l’Inter non può fare a meno. Gran parte dell’andamento positivo di questa nuova Inter non può non essere attribuito a lui, che ha letteralmente conquistato San Siro, pubblico spesso ostile e molto esigente con i nuovi. Tra i centrocampisti nerazzurri Borja Valero è senza dubbio quello che non ha mai deluso, un po come Vecino, altro ex viola voluto fortemente da Spalletti e che si è subito ben integrato nelle geometrie spallettiane. Purtroppo non si può dire lo stesso di Gagliardini, che da promessa, anche in azzurro, sta diventando un flop, e di Joao Mario, vero oggetto misterioso di questa Inter nonostante i 40 milioni sborsati per acquistarlo.

  •   
  •  
  •  
  •