Inter-Sampdoria: da Spalletti a Icardi fino a Skriniar-Eder, quanti ex a San Siro

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Inter-Sampdoria

Inter-Sampdoria, quanti ex a San Siro

Inter-Sampdoria, quanti ex in campo questa sera. Genova-Milano è una distanza da fare in poco tempo in macchina, anche calcisticamente la distanza sembra essere ridotta. Nell’anticipo della decima giornata di serie A di questa sera saranno tanti gli ex in campo a San Siro. A cominciare proprio da Luciano Spalletti che con la Sampdoria 1998-1999 ha vissuto una delle poche delusioni in carriera. I blucerchiati infatti in quella stagione retrocessero, nonostante avessero giocatori del calibro di Vincenzo Montella tra le proprie fila.  Il tecnico interista, nonostante i brutti risultati, ricorda con effetto quella stagione che l’ha aiutato a calarsi bene nelle difficoltà della serie A. Altro grande ex del match di questa sera è Mauro Icardi. L’argentino arrivò giovanissimo a Genova dalla sempre fertile cantera del Barcellona e dopo pochi mesi conquistò subito un posto in prima squadra. Al contrario di Spalletti il capitano interista viene accolto sempre male dal pubblico doriano. Colpa di qualche esultanza dopo i gol segnati alla sua ex squadra. Come se segnare per un attaccante fosse una colpa. Anche per Icardi Genova è stata una tappa fondamentale per farsi conoscere in Italia.

Leggi anche:  Juventus - Napoli 2-0 le Pagelle: Cuadrado dominante, Ronaldo da record. Insigne stecca

Ex più fresco di Inter-Sampdoria di questa sera è anche Eder. L’italo-brasiliano è stato uno dei simboli della risalita sampdoriana e della sua scalata di posizioni in serie A. L’ex Empoli giocò una grandissima stagione con Mihajlovic in panchina, riportando la Sampdoria in Europa dopo tanti anni. A gennaio 2016 il passaggio all’Inter, fortemente voluta da Mancini. In nerazzurro Eder non ha avuto ancora la stessa fortuna che ha avuto in blucerchiato, ma è sempre chiamato in nazionale, prima da Conte e poi da Ventura.

Inter-Sampdoria, prima da ex per Skriniar

E’ decisamente la rivelazione di questo inizio di stagione nerazzurro. Milan Skriniar è diventato un perno della squadra di Spalletti, ergendo un vero e proprio muro in difesa. Arrivato dalla Sampdoria il difensore slovacco aveva suscitato delle perplessità per la cifra versata dai nerazzurri per portarlo alla corte di Spalletti. L’allenatore interista non ha mai avuto dubbi su di lui, consegnandogli subito una maglia da titolare. Skriniar sta ripagando Spalletti con prestazioni di spessore, come quella offerta al San Paolo contro il Napoli. Se l’Inter ha una difesa solida è merita anche del gigante arrivato dalla Sampdoria. Skriniar giocherà questa sera per la prima volta contro i suoi ex compagni. Magari ci sarà un po’ d’emozione, ma poi cercherà di ergere il solito muro insieme a Miranda e Handanovic.

Leggi anche:  Juventus, la vera arma in più si chiama Juan Cuadrado

E’ curioso vedere come nell’Inter di oggi ci siano tanti ex sampdoriani. Negli anni passati i nerazzurri pescavano molto dall’altra squadra della Lanterna, il Genoa. Ricordiamo tutti Thiago Motta e Milito, grandi protagonisti con i rossoblu ed eroi del Triplete nerazzurro con Mourinho nel 2010. Negli anni successivi dal Genoa in nerazzurro è arrivato anche Palacio. L’argentino non ha avuto la fortuna di vincere dei trofei, ma ha lasciato un ottimo ricordo tra i tifosi interisti. In Inter-Sampdoria di questa sera c’è anche un doppio ex come Andrea Ranocchia. Lui, che ha giocato anche nel Genoa, non ha avuto fortuna in nessuna delle due squadre.

  •   
  •  
  •  
  •