Milan, Montella: “Vedo le cose in maniera positiva. All’Inter toglierei Perisic”

Pubblicato il autore: Carlo Edoardo Canepone Segui

Vincenzo Montella allenatore Milan
Alla vigilia del derby di Milano, il tecnico del Milan, Vincenzo Montella, si è presentato in conferenza stampa sereno ed ha risposto alle domande dei giornalisti. Tanti i temi trattati, che proviamo a riassumere qui.

LA PARTITA – Il Milan è reduce da due sconfitte consecutive in campionato (Sampdoria e Roma), ma Montella non è preoccupato: “C’è pressione ed è piacevole. I ragazzi sono tornati dalle Nazionali molto motivati e sono sicuro che faremo bene. Non ci sono sette punti di differenza tra noi e l’Inter. Dobbiamo stare attenti a Icardi, dobbiamo evitare di fargli arrivare palloni giocabili. I neroazzurri sanno leggere bene le partite. I due giocatori chiave potrebbero essere Borja Valero e Biglia, due pensatori. Potremmo vincere con un autogol, perché no?”.

SUI SINGOLI – Alcune domande hanno riguardanti anche alcuni giocatori in particolare, a partire da Suso: “Deve essere lasciato libero di esprimere il suo talento”; su Bonucci: “Sta bene sia fisicamente che mentalmente. Non ci sono dubbi su di lui, è il nostro valore aggiunto”; su André Silva: “Stiamo lavorando molto su di lui, ora è più concreto che bello. Ci punto molto, è un ottimo giocatore”.

SUL GIOCO DEL MILAN – Immancabile una domanda sul gioco dei rossoneri, che non ha entusiasmato i tifosi: “Siamo veloci e tiriamo molto in porta, vedo le cose in maniera positiva“.

SU SPALLETTI – Una battuta anche sul suo avversario in panchina, Luciano Spalletti: “Lo considero il valore aggiunto dell’Inter. Noi abbiamo giocato anche meglio di loro, ma loro, a differenza nostra, sono stati capaci di recuperare partite che si erano messe male. Stimo molto Spalletti e vorrei imparare da lui. Ma non vorrei perdere i capelli… (ride)”.

SULLA DIRIGENZA – Il tecnico rossonero è stato spesso messo in discussione dai tifosi e da tanti addetti ai lavori, ma lui al Milan sta bene e sente la fiducia della dirigenza: “Nei momenti difficili si capisce chi ti vuole bene davvero e chi scende definitivamente dal carro. Io sono contento perché i dirigenti con me sono stati fantastici. Con Fassone e Mirabelli c’è sintonia, mi danno libertà su tutto. Ho ascoltato anche i consigli di Berlusconi, io ascolto tutti i consigli. Mi piace il mio lavoro e ne conosco i rischi”.

UNA BATTUTA SUGLI AVVERSARI – Chi toglierebbe all’Inter?, Montella è sicuro: Toglierei Perisic“.

SULLE ULTIME PRESTAZIONI – Non è preoccupato delle ultime uscite dei suoi ragazzi, nonostante le due sconfitte delle ultime due gare: “Veniamo valutati sui risultati, non esistono vittorie di Serie A o di Serie B. Nell’ultima partita contro la Roma abbiamo mostrato un buon gioco, ma abbiamo perso. I giocatori sono uniti per raggiungere l’obiettivo. La squadra ha una sola anima, la mia. Chi non la segue non è un vincente. Probabilmente dobbiamo ancora migliorare sulla continuità sui 90 minuti”.

SUL NUOVO PREPARATORE ATLETICO – Una novità nello staff del Milan riguarda certamente il nuovo preparatore atletico, del quale ancora non si conosce il nome. Montella, però, rassicura che le idee sono chiare: Abbiamo già scelto, ci vuole del tempo perché si deve liberare, ma il nome c’è”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  19esima Giornata Serie A: tutte le partite da non perdere