Napoli: tris al Cagliari e vetta solitaria

Pubblicato il autore: Emilio De Cesare Segui

Il campionato è ancora lungo e molte sono le sorprese che si presenteranno lungo il cammino. Una cosa è certa dopo queste prime battute: il Napoli è una diretta pretendente per la vittoria dello scudetto. Gli uomini di Sarri non possono più nascondersi dietro la scomoda ombra della Juventus, detentrice del titolo e ammazza-campionato. E’ giunta l’ora di fare quel salto in avanti e lasciarsi alle spalle l’ingombrante etichetta di eterna seconda.

Sette vittorie su sette non rappresentano solo un caso. In Champion’s League c’è da rimediare alla brutta sconfitta contro lo Shakhtar Donetsk, ma la squadra sembra in grado di poter recuperare i punti persi nel corso del girone. Tutto sembra girare nel giusto verso. La Squadra fa divertire il pubblico dei tifosi e in campo i giocatori si muovono seguendo uno spaventoso automatismo. Ognuno conosce alla perfezione la posizione del proprio compagno e il gioco scorre in maniera fluida e veloce. la squadra attacca gli avversari in pressing alto sin dai primi minuti della partita. Un attacco asfissiante che dura lungo tutto l’arco della partita che mette in risalto l’ottimo stato di salute della rosa. Se riusciranno a mantenere prestazioni così a lungo per tutto il campionato è da vedere.

Leggi anche:  Moggi sicuro: "Ecco chi vincerà lo scudetto. Ora il Napoli è più forte della Juventus. Sarri è un traditore..."

Nemmeno il turno di pranzo è riuscito a infiacchire i partenopei. Contro il Cagliari, non in un buon momento di stagione, sono bastati solamente quattro minuti per mettere subito in discesa la partita. Mertens ricama un assist al bacio per il capitano Hamsik che non può far altro che mettere in rete l’ottimo suggerimento del compagno. Un gol di grande importanza per il capitano che pone fine con il primo gol stagionale alle polemiche legate alle sue ultime prestazioni. Il Cagliari sprofonda sotto la fitta trama di gioco del Napoli e non riesce a riprendere il pallino del gioco. Al quarantesimo Mertens viene atterrato in area di rigore da Romagna. Rigore e realizzazione dal dischetto del belga che firma il 2 a 0. La ripresa presenta lo stesso copione del primo tempo. Gli azzurri continuano ad attaccare e dopo appena due minuti Koulibaly fissa il 3 a 0. Fino alla fine della gara i partenopei amministrano il risultato concedendo pochissimo agli avversari e gestendo molto bene la fase difensiva.

Leggi anche:  Supercoppa Italiana, probabili formazioni Juventus-Napoli: ecco le scelte di Pirlo e Gattuso

napoli tris al cagliari e vetta solitaria

Un nuovo record per la squadra di Sarri che inizia il campionato con sette vittorie consecutive e 25 goal realizzati. Il mercato estivo ha permesso di rinfoltire una rosa già competitiva aggiungendo nuovi elementi in grado di offrire il loro contributo nell’arco della stagione. Resta da valutare la tegola Milik. Il polacco è costretto ai box da un nuovo grave infortunio al ginocchio, questa volta quello destro. Magari la soluzione al problema è in casa e Sarri lo sa. Callejon potrebbe scoprirsi, come Mertens, una prima punta cinica e spietata. Chissà se lo vedremo all’opera in questo ruolo.

A chiusura di una magnifica domenica di campionato, gli azzurri hanno assistito davanti lo schermo allo stop della Juventus contro l’Atalanta nel posticipo serale. Per una notte si sono ritrovati in solitaria in testa alla classifica. Il campionato è ancora lungo…chissà.

  •   
  •  
  •  
  •