Milan, Montella salvato dalla vecchia guardia: Romagnoli-Montolivo-Suso per il rilancio

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Montella

Montella salvato dai vecchi rossoneri

Milan, Montella salvato dai “vecchi” rossoneri. In estate si cercano sempre nuovi amori, ma poi in autunno si torna sempre dalla fidanzata. Un po’ quello che è successo a Vincenzo Montella e al Milan di questi ultimi 4 mesi. Il calciomercato estivo aveva prodotto tanto entusiasmo con i tanti nuovi arrivi. Bonucci, Biglia, Conti, Calhanoglu, André Silva, Kalinic e gli altri avrebbero dovuto trascinare il Milan al vertice della serie A. Non è stato, ancora, così. Conti si è fatto male subito, Bonucci si è mosso come un elefante in una cristalleria e gli altri sono ancora alla ricerca di loro stessi. Tanto è che nel decisivo match di Reggio Emilia contro il Sassuolo l’allenatore rossonero si è affidato alla vecchia guardia. Nell’umida serata del Mapei Stadium erano sei su undici i rappresentanti del vecchio Milan. Manco a dirlo sono stati proprio due di loro, Romagnoli e Suso, a segnare le reti che hanno sancito il ritorno alla vittoria milanista.

Leggi anche:  Napoli, Petagna recuperato, ancora problemi per Mertens

Due che con Montella hanno sempre giocato. Non è un caso che quando giocano ad alti livelli il Milan alza l’asticella. Entrambi hanno avuto un poì di guai fisici in estate. L’ex romanista con il solito ginocchio, mentre lo spagnolo ha avuto noie muscolari che ne hanno rallentato la preparazione estiva. Romagnoli si sta adattando sempre più allo schieramento a tre. Non è un caso che il Milan non ha subito gol in tre delle ultime quattro partite giocate. Su Suso c’è poco da dire. Quando l’ex Liverpool gioca nella sua posizione preferita è assolutamente il centro di gravità permanente del gioco di Montella. Dopo la sosta il tecnico rossonero spera di ritrovare i due giocatori come li ha lasciati, perché c’è il Napoli capolista da affrontare.

Leggi anche:  Cagliari-Milan 0-2, tanti episodi dubbi: rigore Milan e Sottil ne chiede uno. Ecco la Moviola

Milan, Montella riscopre Zapata e Montolivo

Non solo Romagnoli e Suso. Montella contro il Sassuolo ha potuto contare su due ottime prestazioni di Zapata e Montolivo. Il colombiano sembra aver definitivamente scavalcato Musacchio nelle gerarchie della difesa. L’ex Villarreal non sembra molto adatto alla difesa tre ed è apparso spesso in difficoltà con questo schieramento difensivo. Contro il Sassuolo Zapata ha giocato una partita praticamente perfetta, dimostrando di trovarsi molto a suo agio con Bonucci e Romagnoli. D’altronde le sue migliori stagioni in Italia le ha giocate con la difesa a tre nell’Udinese di Guidolin.

Discorso diverso per Montolivo. L’ex capitano rossonero non giocava titolare in campionato dal 20 settembre e a Reggio Emilia ha giocato un’ottima partita. La presenza dell’ex viola ha fatto lievitare anche il rendimento di Kessié, apparso in netto miglioramento. Positivo anche l’ingresso in campo di Locatelli, un altro dei “vecchi”, messo un po’ in disparte da Montella in questi mesi. Ma se il Milan vorrà risalire la china avrà certamente bisogno dei nuovi acquisti. Tutti saranno chiamati a dare di più, fin dal match contro il Napoli. Anche perché il mercato di gennaio si avvicina. Se l’estate è la stagione degli amori effimeri, a inizio anno si buttano le cose che non servono. La vecchia guardia ha suonato la sveglia, ora tocca ai nuovi rimettersi in riga e cominciare a far correre il Milan.

  •   
  •  
  •  
  •