Ranocchia, in Inter-Chievo l’occasione del riscatto. Emergenza centrocampo per Spalletti

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui


Ranocchia, Spalletti prova a rigenerarlo come Santon
. In questa Inter di inizio stagione che ha stupito tutti si stanno rivedendo anche giocatori caduti nel dimenticatoio. Negli ultimi due match Spalletti ha puntato su Davide Santon, che sembra finalmente un giocatore recuperato sotto tutti i punti di vista. Contro il Chievo, complice la squalifica di Miranda, toccherà ad Andrea Ranocchia. Dal suo arrivo dal Genoa, nel gennaio 2011, Ranocchia è stato sempre oggetto di critiche in nerazzurro. E pensare che a Bari lui era considerato più forte di Bonucci. Poi tanti infortuni, il periodo non proprio felicissimo interista e anche qualche suo limite ne hanno bloccato l’esplosione. Dopo i prestiti con Sampdoria e Hull è stato sul mercato per tutta l’estate, ma poi alla fine è rimasto. Per necessità visto che dopo gli addii di Murillo e Medel era rimasto solo lui come alternativa a Miranda-Skriniar.

Fino ad ora la difesa nerazzurra ha avuto un rendimento altissimo. Nel prossimo match di campionato per la prima volta Spalletti dovrà rinunciare ad una delle sue colonne. Miranda forse ha anche pensato alla Juventus, la sua ammonizione contro il Cagliari è stata meno dolorosa di una possibile rimediata con il Chievo. Ranocchia è pronto a cogliere questa occasione, per poi magari averne un’altra in Coppa Italia. Partite per dimostrare che lui nella rosa dell’Inter ci può stare. Poi a gennaio si vedrà se Spalletti sarà convinto di puntare su di lui, come possibile alternativa ai titolari. Inter-Chievo, per Ranocchia la partita più importante degli ultimi anni.

Non solo Ranocchia, chance anche per Joao Mario con il Chievo?

Contro il Chievo, oltre a Miranda, mancheranno lo squalificato Gagliardini e l’infortunato Vecino. Una doppia assenza a centrocampo che costringerà Spalletti a cambiare qualcosa. Il tecnico interista non dovrebbe variare il 4-2-3-1, con Borja Valero che arretrerà di qualche metro il suo raggio d’azione. Al fianco dello spagnolo dovrebbe esserci Marcelo Brozovic. Il croato, risolti i problemi fisici, è tornato anche al gol con il Cagliari ed è pronto a scendere in campo dal primo minuto.

Una chance da titolare dovrebbe essere data da Spalletti a Joao Mario. Il portoghese è stato un messo in un angolo negli ultimi tempi. Tanto che l’ex Sporting Lisbona ha esternato pubblicamente la sua insoddisfazione. Joao Mario potrebbe anche partire a gennaio, destinazione Paris Saint Germain. Il portoghese potrebbe essere usato come pedina di scambio per arrivare a Javier Pastore. L’argentino continua a mandare messaggi dalla Francia all’Inter. L’ex Palermo gioca poco al Psg e per convincere il c.t. dell’Argentina Sampaoli a portarlo in Russia ha bisogno di essere impiegato con continuità. Cosa che potrebbe avvenire proprio all’Inter. Se ne riparlerà tra qualche settimana, ora Spalletti deve fronteggiare la prima emergenza stagionale contro il Chievo di Maran. All’orizzonte poi si comincia già a sorgere la sagoma minacciosa della Juventus.

  •   
  •  
  •  
  •