Lazio, Immobile potrebbe essere scagionato dalla prova tv e da… Burdisso

Pubblicato il autore: Simone Cardellini Segui

Serata che passerà alla storia quella di ieri, dove per la prima volta dall’introduzione del Var si è passato tutto il post partita a discutere delle decisioni arbitrali che hanno condizionato ampiamente il match. Il momento clou della gara è il 44′ del primo tempo quando Immobile crossa in area e la palla va a sbattere contro la mano di Iago Falque, per l’arbitro non è rigore e l’azione prosegue con un Immobile imbufalito che colpisce anche il palo su suggerimento di Milinkovic-Savicdopo di che l’attaccante biancoceleste su continue provocazione del difensore del Torino, Nicolas Burdisso, lo colpisce con quella che all’inizio sembra essere una testata ma che poi si rivelerà un colpo di petto. I giocatori della Lazio subito dopo la fine dell’azione vanno a protestare con l’arbitro chiedendo l’intervento del Var per rivedere l’azione del mani del giocatore del Toro ma quando Giacomelli va al Var vede tutt’altro e torna indietro per espellere Immobile, questo causa un’esplosione di rabbia da parte di tutte le componenti biancocelesti dai giocatori all’allenatore, dai dirigenti ai tifosi; tutto ciò porta la Lazio a giocare i restanti 45′ in inferiorità numerica e alla fine a perdere per 3-1 contro la squadra allenata da Mihajlovic.
Il post partita è stato a dir poco infuocato con il d.s. biancoceleste, Igli Tare, che ha messo in luce come le decisioni arbitrali stiano condizionando il campionato della Lazio ormai dal derby con la Roma, passando per i due rigori con Fiorentina (rigore dubbio concesso ai viola al 92′) e Sampdoria (rigore negato ai biancocelesti nel finale su mano di Bereszynski) arrivando fino a ieri dove non solo non è stato concesso un rigore netto alla squadra romana ma è stata anche penalizzata facendola rimanere in 10 per tutto il resto della partita. Tare ai microfoni di Sky ha inoltre affermato che Burdisso aveva detto all’arbitro che non c’era stato nessuno contatto tra lui e Immobile, parole pronunciate anche da Parolo nell’intervista a fine gara sempre ai microfoni di Sky, ma Giacomelli non ha voluto ascoltarlo e ha deciso di testa sua espellendo il giocatore della Lazio. Oltre al d.s. della Lazio anche l’allenatore, Simone Inzaghi, nel post gara si è lamentato delle decisioni arbitrali contro la sua squadra e alla domanda su quante giornate di squalifica riceverà Immobile ha risposto che secondo lui la prova tv scagionerà il suo attaccante e farà vedere come non ci sia stato nulla tra lui e il difensore granata, infatti sommando le immagini video alle parole di Burdisso il giudice sportivo potrebbe decidere di non dare giornate di squalifica extra al bomber della Lazio. Ai discorsi di Tare e Inzaghi si è aggiunto anche il presidente della squadra capitolina, Claudio Lotito, che sta pensando di ritirare la squadra dal campionato come affermato dal giornalista Pietro Pinelli (Mediaset-Premium). Per fortuna a riportare un po’ di sereno ieri sera ci ha pensato Sinisa Mihajlovic, ruolo insolito per lui, che alla domanda sul mani di Falque ha risposto che secondo lui era rigore e ha commentato il contatto Immobile-Burdisso definendolo un “bacio violento” .
Speriamo che dopo ieri si possa andare avanti e pensare al futuro con un campionato bellissimo anche grazie alla Lazio e che queste vicende possano non accadere più.

Leggi anche:  Formazioni ufficiali Genoa Cagliari, ecco le scelte di Ballardini e Di Francesco
  •   
  •  
  •  
  •