Mauro Icardi da record. I numeri dell’attaccante dell’Inter

Pubblicato il autore: Alessia Telesca Segui
TURIN, ITALY - DECEMBER 09: Mauro Icardi of Internazionale in action during the Serie A match between Juventus and FC Internazionale at Allianz Stadium on December 9, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)

(Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images © scelta da SuperNews)

Mauro Icardi ha fatto cento. Nella partita di domenica sera scorsa con la Sampdoria al Ferraris di Genova, vinta dall’Inter per 5-0, l’attaccante ha raggiunto quota 103 gol in Serie A.

Mauro Icardi da record.

Oltre al poker di gol realizzati a Genova, Mauro Icardi ha segnato una serie di record incredibili mostrando, ancora una volta, di essere uno degli attaccanti più forti al mondo.

Infatti, il capitano dell’Inter è diventato il sesto giocatore più giovane del campionato di Serie A a raggiungere la quota dei cento gol, prima di lui soltanto Meazza, Piola, Boniperti, Borel e Altafini. Dal suo arrivo in maglia nerazzurra nel 2013, il capitano dell’Inter ha messo a segno in Serie A 93 gol, secondo soltanto ad un altro argentino, Gonzalo Higuain, primo con 110 gol, e in tutte le partite con la maglia dell’Inter ha raggiunto i 100 gol in 172 presenze.

Leggi anche:  Inter-Real Madrid, Zidane: "Con l'Inter sarà una finale"

Nel campionato di Serie A 2017/2018, Mauro Icardi ha segnato 22 gol in 24 partite, posizionato al secondo posto dietro all’attaccante della Lazio Ciro Immobile. Dei 103 gol in campionato, 98 sono stati segnati dentro l’area di rigore, 41 sono stati segnati nei primi tempi della partita e 62 nei secondi, dove il capitano nerazzurro diventa fondamentale per l’Inter.

Delle 30 squadre incontrate in Serie A, sono soltanto 6 le squadre a non aver preso gol da Mauro Icardi e, con il poker segnato a Genova, il secondo messo a segno in carriera, è la sesta volta che il capitano dell’Inter segna tre o più gol in una sola partita, le doppiette sono invece 18.

Mauro Icardi ha poi segnato un altro record, diventando uno dei pokeristi più veloci di sempre, mettendo a segno 4 gol in 21 minuti. Davanti a lui Guaita con 4 gol in 16 minuti, Neri con 4 gol in 13 minuti, Hansen con 4 gol in 18 minuti e Aronsson con 4 gol in 21 minuti.

Leggi anche:  Inter-Real Madrid, le probabili formazioni: Benzema out, Conte lancia i fedelissimi?

Futuro all’Inter.

Numeri incredibili, festeggiati dalla squadra, tornata a vincere, da Mauro Icardi e da Luciano Spalletti che, dopo la partita dell’Inter con la Sampdoria, ha parlato del suo capitano, dei gol e dell’allenatore dell’Argentina.

Bravo Sampaoli – ha dichiarato l’allenatore dell’Inter Spallettime lo lasci sempre a casa, Icardi. Icardi non sarà d’accordo in funzione dell’affetto e l’amore per i colori della sua Nazionale. Però poi ha il ginocchio che bisogna gestire, ha diverse situazioni che se fa ragionamento corretto e intelligente capirà che gli fa anche comodo tirare un po’ il fiato. E se poi non va ai Mondiali a luglio me lo ritrovo ancora più carico perché vorrebbe dimostrare che hanno fatto la scelta sbagliata perché lui è eccezionale“.

E, con i festeggiamenti per i gol e i record, si allontanano le voci di mercato su Mauro Icardi e anche Wanda Nara, procuratrice e moglie del capitano dell’Inter, lancia qualche chiaro messaggio affermando che il numero 9 voleva segnare “anche per i tifosi. Lui è il primo a tifare Inter” e che “il progetto della famiglia Zhang ci piace. Hanno voglia di crescere e di far tornare l’Inter tra i grandi club“.

Leggi anche:  Torino: dentro i giovani, bene con Singo ora tocca a Segre!

Parole fondamentali di Luciano Spalletti e di Wanda Nara su Mauro Icardi, sempre più capitano dell’Inter.

  •   
  •  
  •  
  •