Napoli-Fiorentina: ancora panchina per Mertens, Viola con Chiesa e Simeone bocche di fuoco

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Dries Mertens – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Al “San Paolo” andrà in scena una sfida tra squadre che difficilmente inducono alla noia. Anche questo è Napoli-Fiorentina, anticipo valevole per la quarta giornata di serie A, in programma alle ore 18. I partenopei giungono a quest’appuntamento con sei punti all’attivo, frutto delle due vittorie, entrambe in rimonta, contro Lazio e Napoli, per poi incappare nel pesante ko rimediato al “Ferraris” al cospetto della Sampdoria.

Gli azzurri, perlomeno nelle prime due giornate, hanno palesato uno spiccato spirito di reazione, un elevato temperamento e manovre di gioco in grado di mettere in affanno avversari altrettanto quotati. Resta il dato preoccupante delle sei reti subite dopo tre partite disputate, un numero piuttosto elevato se il Napoli miri a veleggiare nei quartieri alti di classifica. Ancelotti solamente a partire da giovedì pomeriggio ha avuto di nuovo tutta la rosa a disposizione dopo gli impegni per le nazionali e proverà ad effettuare le scelte giuste al fine di affrontare un avversario per nulla affatto morbido, quale è la Fiorentina.

La Viola, per l’appunto, è a punteggio pieno dopo sole due gare disputate, considerando che il match dell’esordio contro la Sampdoria sia stato rinviato a mercoledì 19 settembre a causa del crollo del Ponte Morandi avvenuto lo scorso 14 agosto. La banda guidata da Stefano Pioli non ha fallito i due impegni casalinghi sino ad ora affrontati, annichilendo il Chievo con un roboante 6-1, per poi avere la meglio, di misura, per 1-0, sull’Udinese. La Fiorentina ha mostrato un gioco convincente e può vantare l’attuale capocannoniere in serie A, ovvero Marco Benassi, mezzala con spiccato spirito offensivo, autore di tre reti.

Il confronto tra Napoli e Fiorentina non rievoca piacevoli ricordi ai tifosi partenopei, per i quali è ancora fresca la ferita datata 29 aprile 2018, quando la Viola inflisse, al “Franchi“, un ineccepibile 3-0 alla squadra, allora, guidata da Maurizio Sarri, a tal punto da decretare la fine della corsa scudetto da parte della compagine azzurra. Motivo in più, quindi, per gli uomini di Ancelotti di affrontare Chiesa e compagni con grinta e voglia di riscatto.

Spostando l’attenzione sulle probabili formazioni che scenderanno in campo, il tecnico azzurro si affiderà, quasi certamente, al 4-3-3 con Ospina in porta, Hysaj e Mario Rui esterni di difesa, mentre centralmente agiranno Albiol e Koulibaly. A centrocampo rientra dal primo minuto Hamsik, con Allan e Zielinski a completare il reparto. In attacco Callejon dall’inizio, pronto ad affiancare Milik ed Insigne.

Modulo speculare per Stefano Pioli, il quale si affiderà tra i pali a Dragowski, considerando l’infortunio occorso a Lafont. Milenkovic e Biraghi agiranno lungo gli esterni, mentre Pezzella e Vitor Hugo formeranno il duo centrale di difesa. Benassi, Veretout e Gerson occuperanno la metà campo, in attacco, invece, Chiesa ed Eysseric, quest’ultimo favorito su Pjaca, avranno il compito di supportare il “cholito” Simeone. L’arbitro designato per dirigere la sfida del “San Paolo” è il signor Michael Fabbri della sezione di Ravenna.

  •   
  •  
  •  
  •