Inter, Icardi:” Sono felice di essere rimasto in nerazzurro. Ho deciso con la mia famiglia”

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Mauro Icardi – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Meno due giorni al derby di Milano e all’ombra della Madonnina si scaldano i motori. Inter e Milan sono pronte a darsi battaglia al fine di contendersi il dominio calcistico della città. Nel pomeriggio di ieri, su Sky Sport 24, il capitano nerazzurro, Mauro Icardi, ha rilasciato un’interessante intervista in cui ha snocciolato vari temi: dall’imminente derby, al sentimento di restare all’Inter dettato, anche, dalla volontà della sua famiglia, non disdegnando, altresì, un giudizio sul duello a distanza che avverrà in campo con il connazionale Gonzalo Higuain, punta di diamante nel Milan di Gattuso.

Icardi, fresco di 103 reti con la maglia dell’Inter in serie A, ha la chiara intenzione di rendersi protagonista, domenica sera, di una performance sopra le righe, condita da almeno un gol, sperando di risultare decisivo al fine di regalare un prestigioso successo alla sua squadra. I nerazzurri occupano, al momento, il terzo posto in classifica con 16 punti all’attivo e in caso di trionfo nel derby, potrebbero proseguire nel mettere fiato sul collo alle dirette concorrenti, in primis al Napoli.

Leggi anche:  Nuno Tavares nel mirino del Napoli: offerta al Benfica

Come detto in precedenza, però, questi i passaggi cruciali dell’intervista rilasciata dal numero 9 nerazzurro:” Higuain è un grandissimo attaccante. Ha segnato ovunque, è normale paragonarci. Dobbiamo dare continuità, vincendo un derby diventa tutto più facile. Noi stiamo migliorando piano piano, la Juventus vince da anni e ha un gruppo solido, in Champions abbiamo cominciato bene, l’impresa con il Barcellona è possibile“. Infine una rivelazione in merito alle costanti voci di mercato sul suo conto:” Sono felice di essere rimasto. Ci sono stati contatti, ho deciso con la famiglia“.

Icardi ha il desiderio di scrivere pagine importanti con la Benamata, dando seguito ai numeri sciorinati, sino ad ora, in stagione: 3 reti in campionato e 2 in Champions. Soprattutto in Europa, Maurito si è rivelato decisivo, dando una scossa vitale nel match casalingo contro il Tottenham, per poi stendere il Psv Eindhoven, attraverso l’assist in occasione del gol di Nainggolan per poi timbrare, lui stesso, il cartellino nella ripresa.

Leggi anche:  Il Milan risponde allo sgarbo Calhanoglu: pronto un ex neroazzurro!

Domenica il derby, mercoledì la sfida suggestiva del “Camp Nou” con il Barcellona e lunedì 29 ottobre l’insidiosa trasferta dell'”Olimpico” contro la Lazio, tre match significativi, tre banchi di prova che testeranno il grado di maturità della banda guidata da Luciano Spalletti, in cui sarà indispensabile la verve e la spiccata vena realizzativa di un Icardi sempre più imprescindibile per la compagine nerazzurra.

  •   
  •  
  •  
  •