Allegri, clamorosa indiscrezione de La Verità: “Allarme dell’antiriciclaggio per le scommesse del tecnico”

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui

allegri antiriciclaggio
OPERAZIONI SOSPETTE DEL TECNICO BIANCONERI, STRANI RAPPORTI CON SOCIETA’ DI SCOMMESSE MALTESE – Max Allegri è appena tornato alla Juventus, ed ecco subito il primo “scandalo” a suo carico. Non sono stati mesi facili per la Juventus fuori dal campo, visto che tra SuperLeague e caso Suarez non c’è stato un attimo di tregua mediatica. Ora, rischia di aggiungersi un nuovo capitolo alla saga dei “problemi legali” riguardanti la Juventus ed i suoi tesserati: secondo quanto riporta il quotidiano La Verità, l’Antiriciclaggio avrebbe aperto un’inchiesta riguardo a presunti movimenti bancari illeciti di Massimiliano Allegri, neo-tecnico bianconero. E’ tutto ancora da verificare, ma intanto ecco cosa sta succedendo.

Allegri Antiriciclaggio, situazione ancora tutta da capire: ecco cosa è successo

Come riporta La Verità, appunto, l’Antiriciclaggio avrebbe aperto a carico di Max Allegri un’indagine riguardante delle scommesse illecite. Non è ancora dato sapere – come specifica il quotidiano – a quale sport fossero dedicate tali scommesse, ma intanto sono sorti i primi sospetti. In particolare, Bankitalia ha ricevuto delle segnalazioni riguardo a presunti accrediti da una società di gioco e di scommesse maltese, in odore di mafia. Così spiega La Verità: “Adesso Allegri deve guardarsi dalla marcatura a uomo dei risk manager della banca presso cui ha acceso il conto. Infatti sono diverse le Sos inviate all’Unità di informazione finanziaria di Palazzo Koch. Alert che battono quasi sempre sullo stesso tasto: i soldi provenienti dall’esterno e inviati da società collegate al gioco d’azzardo e alle scommesse. Il problema è che, in base al regolamento della federazione italiana gioco calcio ai tesserati del pallone professionistico, è fatto divieto di effettuare o accettare scommesse, direttamente o indirettamente, anche presso i soggetti autorizzati a riceverle”. Sarà importante dunque capire tali scommesse su quale sport fossero giocate.

Leggi anche:  Bologna-Arnautovic c'è l'accordo: per la difesa uno tra Lyanco e Benatia

Allegri Antiriciclaggio, quei soldi ricevuti dalla società maltese Oia: che succederà ora?

Così continua il quotidiano: “A fine aprile 2021 i risk manager della Banca Intermobiliare (Bim), filiale di Torino dove Allegri ha acceso un conto nel 2014, hanno segnalato che il loro danaroso cliente, tra l’agosto del 2018 e l’aprile del 2021, ha ricevuto accredito sette bonifici per 161 mila euro complessivi dalla società maltese Oia service limited, per il tramite di Banca Poste Italiane. Nella Sos si fa presente che la Oia è stata coinvolta nell’indagine Galassia della Dda di Reggio Calabra che ha determinato il sequestro dei beni facenti capo all’imprenditore Antonio Ricci per circa 400 milioni euro, e che la società in questione risulterebbe far parte del patrimonio sequestrato e sarebbe stata individuato come veicolo italiano utilizzato da Ricci per perpetrare le attività illecite contestate“. La situazione resta in evoluzione: inutile accusare già a priori il tecnico juventino, solo le indagini sapranno spiegare qualcosa di più.

  •   
  •  
  •  
  •