Serie A, Salernitana: retrocessione aritmetica in B. Il Frosinone infierisce il colpo fatale e guadagna tre punti d'oro in classifica

Il Frosinone fa sprofondare, senza ulteriore appello, la Salernitana in Serie B. Tre punti d'oro, invece, per la squadra ciociara che stacca l'Udinese, attualmente terz'ultima. Rigore di Soulé, raddoppio di Brescianini e chiusura dei conti con Zortea che sigla il 3-0 finale. Con quattro giornate di anticipo, il club campano saluta la massima serie.

Era nell'aria già da tempo ma mancava soltanto l'ufficialità: arriva la retrocessione aritmetica della Salernitana in Serie B. L'amarissimo verdetto per il club granata arriva in un Venerdì sera tra le urla festanti del "Benito Stirpe", in visibilio per la vittoria del Frosinone che si aggiudica agevolmente la gara contro la squadra di Stefano Colantuono e guadagna tre punti d'oro per proseguire il cammino verso la permanenza in Serie A.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Alessandro Budel: "L'Italia può arrivare fino in fondo. Juve, a Thiago Motta servirà tempo. Parma da salvezza tranquilla, Nicola per la panchina del Cagliari"

Salernitana, retrocessione aritmetica in Serie B

Pochissimo da raccontare per questa sciagurata stagione sportiva della Salernitana. Il clima instauratosi durante la fase di preparazione estiva tra diversi addetti ai lavori era prodromico di una condizione che sarebbe degenerata inevitabilmente, a cominciare dai contrasti tra Paulo Sousa e lo staff dirigenziale per un mercato che non ha affatto soddisfatto il coach portoghese. Rotture improvvise, inversioni di rotta e trattative di calciomercato approssimative hanno caratterizzato il campionato della squadra granata che diventava, giornata dopo giornata, sempre più agonizzante. Dall'arrivo di Filippo Inzaghi ai saluti tra Morgan De Sanctis e il patron Danilo Iervolino, dal ritorno speranzoso di Walter Sabatini alla panchina affidata a Fabio Liverani, con quest'ultimo che ha lasciato il timone a Stefano Colantuono dopo cinque giornate di permanenza e un punto conquistato; da non dimenticare, inoltre, la grande "lite" tra Boulaye Dia e l'entourage salernitano che ha creato acute tensioni nello spogliatoio. Tutto da archiviare, insomma.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Alessandro Budel: "L'Italia può arrivare fino in fondo. Juve, a Thiago Motta servirà tempo. Parma da salvezza tranquilla, Nicola per la panchina del Cagliari"

Dopo tre stagioni consecutive in Serie A, la Salernitana torna in cadetteria con la desolante ultima posizione che testimonia con i 15 punti conquistati in 34 gare disputate il palese deficit di risultati. Soltanto due le vittorie realizzate, contro il Verona al "Marcantonio Bentegodi" (0-1) e la Lazio allo "Stadio Arechi" (2-1, con risultato ribaltato); nove i pareggi e ben 23 le sconfitte ottenute. Peggior attacco con 26 reti siglate, mentre sono state 73 quelle subite per decretare la difesa più vulnerabile del torneo.

Il Frosinone, invece, respira aria di permanenza in Serie A grazie alla vittoria ottenuta, portandosi a quota 31 in classifica e staccandosi di tre lunghezze dall'Udinese, terz'ultima con 28 punti ma con una gara in meno rispetto alla squadra di Eusebio Di Francesco.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Alessandro Budel: "L'Italia può arrivare fino in fondo. Juve, a Thiago Motta servirà tempo. Parma da salvezza tranquilla, Nicola per la panchina del Cagliari"