Serie B, il Carpi “licenzia” Concas positivo alla cocaina

Pubblicato il autore: Gerardo Fiorillo Segui

Fabio ConcasFabio Concas, 28 anni, pedina inamovibile del Carpi di Castori, non è più un giocatore della società emiliana. Fatale al centrocampista la positività alla cocaina, accertata in occasione di un controllo antidoping del 13 dicembre 2014 al termine del derby Carpi-Modena. La società ha diramato oggi una breve nota in cui annuncia la fine anticipata del rapporto contrattuale con Concas. “Il Carpi F.C. 1909 e Fabio Concas – si legge -, a seguito del provvedimento di sospensione da ogni attività disposto dalla prima sezione del Tribunale Nazionale Antidoping nei confronti del calciatore lo scorso 9 gennaio, comunicano di aver risolto il contratto di lavoro sportivo e il rapporto di tesseramento aventi validità fino al 30 giugno 2016″. Concas, peraltro già fermo per un infortunio al ginocchio che lo terrà lontano dai campi per un mese, aveva disputato in questa stagione 13 gare condite da 3 gol. Il centrocampista ora rischia fino a 2 anni di squalifica, nel caso fosse confermata la positività. Questa la sua posizione: “Ringrazio la società per la possibilità fornita di affermarsi nel calcio professionistico, per la correttezza e la sensibilità dimostrate in una vicenda che, essendo completamente estranea al rapporto sportivo e di lavoro vigente, attiene alla sfera personale dell’atleta. Vicenda in ordine alla quale sarà fatta chiarezza nelle sedi opportune”.

  •   
  •  
  •  
  •