Serie B, deferito il Teramo. Rischia l’esclusione. Al suo posto pronto l’Ascoli

Pubblicato il autore: Rocco Menechella Segui

Dirty soccer, 30.000 euro per la promozione del TeramoIL TERAMO RISCHIA L’ESCLUSIONE DALLA SERIE B . Sono stati notificati oggi al Teramo dalla Procura Federale della Figc i deferimenti per la presunta combine sulla partita Savona-Teramo (2 maggio 2015, 0-2) nell’ambito della seconda tranche dell’inchiesta della Procura di Catanzaro denominata Dirty Soccer che sta facendo tremare diverse squadre tra Serie B e Lega Pro. Al club abruzzese è contestata la responsabilità diretta ed oggettiva. Il match consentì agli abruzzesi di ottenere la storica promozione in Serie B con una giornata di anticipo rispetto alla fine del campionato. A conclusione delle indagini, nei giorni scorsi, la Procura Figc aveva contestato l’addebito della responsabilità diretta per il Teramo per il presunto coinvolgimento del presidente Luciano Campitelli, e la responsabilità oggettiva per il presunto illecito del direttore sportivo (ora sospeso) Marcello Di Giuseppe.

La società abruzzese rischia la retrocessione, in pole per il ripescaggio c’è l’Ascoli. Da definire anche la posizione del Catania ed in caso di ripartenza dai Dilettanti per gli eteni, i posti a disposizione in serie B diventerebbero due ed in pole position rimane la Virtus Entella che nell’ultima stagione ha ceduto solo alla finale play-out contro il Modena. Di sicuro ci aspetta un’estate bollente e non solo dal punto di vista climatico. Nei prossimi giorni saranno valutate ed affrontate le singole situazioni delle squadre coinvolte e solo dopo si potrà avere un quadro completo delle partecipanti e dei rispettivi gironi. Intanto è già noto da tempo che il campionato di serie B ripartirà solo i primi di settembre con uno slittamento necessario proprio per via dell’inchiesta  Dirty Soccer.

  •   
  •  
  •  
  •