Serie B: Avellino, 3 punti d’oro grazie ad un super Insigne

Pubblicato il autore: Sabato Simone Del Pozzo Segui

zuznbj

Insigne trascinatore assoluto nella gara del Del Duca tra Ascoli e Avellino. Vincono gli ospiti a seguito di un’infinita altalena di emozioni e grazie, soprattutto, a un super Roberto Insigne.
Avellino che fa un passo in avanti importante per la salvezza matematica, ma Avellino che può anche guardare avanti e continuare a coltivare il sogno play-off distanti, ora, 5 punti.
Ascoli, invece, che rimane ancorata a 35 punti conservando le 2 lunghezze di vantaggio sui play-out. Grande prova degli uomini di Mangia che, a fine gara, ha tanto da recriminare ai suoi.
LA GARA:
Il match si sblocca dopo soli 11 minuti grazie alla bella rete di Mokulu che servito in maniera deliziosa da Insigne, dribbla Lanni e insacca il gol che porta in vantaggio l’Avellino.
6 minuti dopo è sempre Insigne che dopo una lunga progressione entra in area e col mancino mette in mezzo dove trova Mokulu. L’attaccante belga taglia bene sul primo palo, anticipa Canini e fa 2-0. 11° centro in Serie B per lui. Siamo al 17′.
L’Ascoli è, però, in gara e ci rientra di fatto 7 minuti più tardi grazie al gol di Jankto che, da fuori area, raccoglie la respinta del palo e piazza un destro preciso sul quale non può nulla Frattali.
Pochi minuti dopo ancora Ascoli. Questa volta Cacia insacca, ma lo fa in posizione irregolare.
Aumenta la pressione dei bianconeri che credono nel pari. Il gol è nell’aria e arriva al 39°. Pasticcia la retroguardia irpina che concede il pari a Cacia per via di una clamorosa incomprensione tra Biraschi e Frattali. Il difensore biancoverde scavalca goffamente il proprio portiere e spalanca la porta al pari di Cacia.
Avellino che accusa il colpo. I padroni di casa completano la rimonta 4 minuti dopo. Lancio lungo di Cinaglia che cerca e trova Cacia. L’attaccante protegge bene palla dalla pressione di Biraschi e Jidayi e girandosi scarica un sinistro all’angolino che fa fuori Frattali.
La prima frazione si chiude sul 3-2.

Leggi anche:  Designazioni arbitrali Serie B - 10° giornata

Nel secondo tempo Tesser toglie Paghera e inserisce Migliorini, avanzando Jidayi sulla linea mediana.
A fare la partita sono sempre i padroni di casa ma l’Avellino è cinica e trasforma in oro tutte le palle gol avute. Al 63esimo, manco a dirlo, Insigne riacciuffa il pari con un grandissimo sinitro da fuori. Scatenato il gioiellino di proprietà del Napoli che mette la sedicesima volta lo zampino nei gol degli irpini (5 gol e 11 assist).
Le emonzioni non sono finite. Nel finale viene assegnato un calcio di rigore all’Avellino dopo il tocco con la mano in area da parte di Mitrea che si becca il giallo. Sul dischetto si presenta Castaldo che spiazza Lanni e, di fatto, consegna 3 punti preziosissimi all’Avellino.
Ascoli che disputa un’ottima gara ma che esce senza punti dal Del Duca. C’è ancora da soffrire per gli uomini di Mangia che nel prossimo incontro di Serie B si giocano una fetta importante di salvezza in trasferta a Vercelli, in uno scontro diretto infuocato dati i soli 2 punti che separano le due squadre.
Tabellino: Ascoli-Avellino 3-4 (11′,17′ Mokulu (Av); 24′ Jankto (As); 39′,43′ Cacia (As); 63′ Insigne R. (Av); 88′ Castaldo (Av).

  •   
  •  
  •  
  •