Pisa in serie B: alla premiazione mancava il presidente Petroni, comunicato stampa e video

Pubblicato il autore: Al Rey Segui

Pisa in serie B: alla premiazione mancava il presidente Petroni comunicato stampa e video

Grande festa per la premiazione del Pisa in serie B nonostante le dichiarazioni al veleno rilasciate dal presidente Fabio Petroni poche ore prima

Clima teso in casa Pisa, proprio in uno dei momenti più belli e inaspettati della storia di questo club, che solo l’estate scorsa era sull’orlo del fallimento. Nessuno si sarebbe mai aspettato che in pochi mesi la coppia Lucchesi Gattuso riuscisse a mettere insieme una squadra affiatata e competitiva e meno che mai che riuscisse a portarla in serie B. Per motivi economici a gennaio è entrato in società Fabio Petroni con il gruppo Terravision, grazie a lui e dalla sua liquidità la campagna acquisti ha permesso di consolidare ancora di più la squadra fino a lottare per il primo posto in classifica. Purtroppo il sodalizio si è interrotto presto: da una parte il cuore e l’attaccamento allo sport e ai tifosi di Gennaro Gattuso e Fabrizio Lucchesi, dall’altra la volontà di sfruttare l’immagine della città di Pisa a fini economici di Fabio Petroni.

Pisa in serie B: il comunicato stampa di Fabio Petroni

Il rapporto tra Lucchesi e Petroni si è rotto proprio con la promozione in serie B e il presidente ha rilasciato delle dichiarazioni molto forti contro Gennaro Gattuso, il quale essendo notoriamente uno che non le manda a dire ha risposto pubblicamente che se rimane Petroni lui se ne andrà. Ecco il comunicato stampa rilasciato da Fabio Petroni a poche ore dalla festa della premiazione del Pisa in serie B che si è svolta allo stadio Arena Garibaldi martedì 14 giugno dalle ore 20:30 in poi.

“Ritengo necessario denunciare con la mia assenza il clima di linciaggio venutosi a creare nei confronti del Presidente di Lega Pro, Dr. Gabriele Gravina e del sottoscritto, alimentato dagli atteggiamenti squadristici di un incolto squilibrato e dalle interessate strumentalizzazioni di uno squalificato mestierante. Mi scuso con tutti i tifosi del Pisa che hanno in queste ore espresso con educazione la loro opinione, con i ragazzi della squadra che hanno lealmente e meritatamente conquistato la promozione in serie B. Entrambi avrebbero meritato una degna festa di promozione che si è invece trasformata, come è facilmente documentabile dai social network e certificato dal TG3 Toscana, in “un evento a rischio”. Mi auguro che l’assenza del Presidente di Lega Pro dalla premiazione di oggi sia elemento di riflessione per tutte le persone responsabili che amano davvero il calcio e Pisa. È vergognoso che, nonostante l’impegno efficace e responsabile del Ministero dell’Interno, delle istituzioni calcistiche e di alcuni di noi che si sono esposti personalmente per garantire che anche il più complesso appuntamento, quello di Foggia, si svolgesse senza drammatiche conseguenze, degli irresponsabili ricoprano ruoli rilevanti e visibili nel mondo del calcio e non perdano occasione, in campo come fuori campo, per ostentare la più assoluta inciviltà e, con il loro pessimo esempio, porre in essere una vera e propria istigazione alla violenza. Fabio Petroni, Presidente AC Pisa 1909 ssrl Pisa, 14 giugno 2016”.

Pisa in serie B: Gattuso ha ringraziato Petroni

Dopo la presentazione di tutti i giocatori, è arrivato il momento dello staff tecnico e infine di colui che è entrato nel cuore della tifoseria pisana. Gennaro Gattuso ha parlato di fronte a migliaia di persone, interrotto più volte da autentiche ovazioni e cori perché è riuscito a regalare a Pisa il sogno di una serie B attesa da sette anni. Il mister ha raccontato senza mezzi termini come si è incrinato il rapporto tra lui e Fabio Petroni, il quale lo ha voluto mettere in mezzo alla creazione di un Football College mentre la sua immagine appartiene già ad altri sponsor. Il motivo della rottura è stato questo: l’allenatore del Pisa non può prestare la sua immagine ad altre iniziative differenti da quelle dei suoi sponsor. Gennaro Gattuso nonostante le dichiarazioni di Fabio Petroni lo ha ringraziato pubblicamente, ma non si è sentito molto bene perché il pubblico ha fischiato e urlato talmente forte da coprire i pur potenti altoparlanti dell’Arena Garibaldi. Senza dubbio i soldi di Fabio Petroni hanno contribuito alla rinascita del Pisa e alla promozione in serie B, tuttavia adesso la situazione societaria è diventata insostenibile e occorrerà una svolta. Il pubblico di Pisa ha già deciso e vuole che rimangano Gennaro Gattuso e Fabrizio Lucchesi.

Pisa in serie B: Andrea Lisuzzo

Pisa in serie B: Daniele Mannini

Pisa in serie B: Umberto Eusepi

Gennaro Gattuso dà fuoco allo striscione “Mai una gioia”

Pisa in serie B, i fuochi artificiali finali, prima del giro in pullman sui lungarni a festeggiare con la gente

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: