Serie B, solo 2 panchine senza allenatore per la prossima stagione: a breve si attendono novità?

Pubblicato il autore: Omar Bonelli Segui

Quasi tutte le 22 squadre di serie B, hanno sistemato le proprie panchine, infatti con le ultime ufficializzazioni a Bari dove ha firmato Roberto Stellone, reduce da quattro stagioni eccellenti a Frosinone, con la scalata dalla Lega Pro alla serie A dei laziali e quella di  Christian Panucci alla Ternana, sono rimaste solo 2 le panchine libere nella serie cadetta.

Questo nel dettaglio tutte le squadre con i relativi allenatori, per la prossima stagione 2016/2017, il dato che salta subito all’occhio è che la maggioranza delle squadre ha deciso di cambiare, ben 12 i club che hanno deciso di affidarsi a nuovi tecnici, che presto potrebbero salire a 14 infatti sia il Brescia che la Salernitana, cambieranno di sicuro rispetto alla passata stagione.
Gli 8 mister “sopravissuti” sono Castori a Carpi, Drago a Cesena, Venturato a Cittadella, Gattuso a Pisa, Semplici alla Spal, Di Carlo allo Spezia, Cosmi a Trapani e Lerda a Vicenza:

Ascoli: Alfredo Aglietti (nuovo).
Avellino: Domenico Toscano (nuovo).
Bari: Roberto Stellone (nuovo)
Benevento: Marco Baroni (nuovo)
Brescia: Cristian Brocchi?
Carpi: Fabrizio Castori (confermato).
Cesena: Massimo Drago (confermato).
Cittadella: Roberto Venturato (confermato).b
Frosinone: Pasquale Marino (nuovo).
Hellas Verona: Fabio Pecchia (nuovo).
Latina: Vincenzo Vivarini (nuovo).
Novara: Roberto Boscaglia (nuovo)
Perugia: Cristian Bucchi (nuovo).
Pisa: Gennaro Gattuso (confermato).
Pro Vercelli: Moreno Longo (nuovo).
Salernitana: Simone Inzaghi?
Spal: Leonardo Semplici (confermato).
Spezia: Domenico Di Carlo (confermato).
Ternana: Christian Panucci (nuovo).
Trapani: Serse Cosmi (confermato).
Vicenza: Franco Lerda (confermato).
Virtus Entella: Roberto Breda (nuovo).

Le 2 panchine libere sono dunque quelle del Brescia e della Salernitana, entrambe saranno occupate al più presto, a Brescia alcuni problemi societari, hanno ritardato l’ufficializzazione dell’allenatore, mentre a Salerno è tutto bloccato dalla situazione Bielsa alla Lazio, infatti quando firmerà “Il Loco” per i biancocelesti, automaticamente si dovrebbe liberare Simone Inzaghi per la Salernitana.
Andando nello specifico a Brescia è fissato entro le prossime 48 ore, l’appuntamento clou per le rondinelle, cioè quello che riguarda l’Assemblea dei soci. Punto principale, il ripristino di quel parametro di bilancio, che la Federazione pretende prima di completare l’iter dell’iscrizione al prossimo campionato.
Visto che la società ha già pianificato la risoluzione della questione, non resta che attenderne l’ufficialità per pensare solo alla nuova stagione sportiva che potrà così, di fatto, partire con le prime nomine indispensabili, come il nuovo contratto del direttore sportivo Renzo Castagnini e quello di mister Cristian Brocchi, lasciato libero dal Milan qualche giorno fa.

A Salerno il presidente Claudio Lotito a breve ufficializzerà Simone Inzaghi, anche se il direttore sportivo Angelo Fabiani sta già lavorando a pieno ritmo, su due trattative importanti, complesse, che pesano a bilancio ma anche in campo perché spostano gli equilibri. Lotito e Fabiani hanno parlato di Gianni Munari, il centrocampista 33 enne in forza al Cagliari, e di Alessandro Rosina, trequartista rientrato al Catania dal prestito al Bari.
Munari è sotto contratto con il Cagliari fino a giugno 2017, ma sa che dovrà trovarsi una squadra, è un vincente in serie B con tre campionati vinti negli ultimi cinque anni, cerca un progetto a vincere e la Salernitana può offrirglielo; mentre Rosina sarebbe un lusso per la categoria e sembra vicinissimo.

  •   
  •  
  •  
  •