Salernitana, buona la prima:1 a 1 contro lo Spezia

Pubblicato il autore: Ramona Buonocore Segui

SONY DSC

E’ iniziata con un pareggio contro lo Spezia l’avventura della Salernitana in Lega Serie B.
La squadra di mister Sannino ha giocato bene per più di un tempo e mezzo, andando nel caos solo dopo il gaol su calcio d’angolo del brasiliano Nené. Buona la prima e un punto portato a casa.
“Nel primo tempo niente da dire, abbiamo tenuto meglio il campo. Nel secondo finché è stato in campo Odjer e siamo stati in grado sotto l’aspetto fisico abbiamo lasciato poco spazio allo Spezia- ha dichiarato Sannino-. Sono arrabbiato perché abbiamo preso gol nel modo più stupido possibile, potevamo portare a casa i tre punti con un po’ di fortuna. Oggi non abbiamo fatto una gara d’attacco, ma quella che dovevamo e potevamo fare contro una squadra che lotta per la A. Grazie ai tifosi che ci hanno seguito, il punto è un buon viatico ma sono già proiettato alla gara col Verona. Non so quali obiettivi possiamo porci, ma di sicuro ce la giocheremo contro chiunque”. Aspettiamo con ansia il 31 per concentrarci a lavorare su questi ragazzi. Quando tutto sarà delineato potremo lavorare con serenità e magari avere quelle pedine che ci potranno consentire maggiori soluzioni. Abbiamo un direttore che è sempre stato capace di costruire squadre importanti. La società sa che abbiamo difficoltà in determinati ruoli e si sta muovendo. Quando avremo la squadra completa nei doppi ruoli, potremo utilizzare un sistema di gioco più congeniale ed accompagnare le due punte con i due esterni. Rosina lo utilizzerò come Brienza, è un ragazzo umile che ha portato il suo bagaglio tecnico e di personalità. E’ un calciatore che sa gestire la palla in tutte le zone del campo. Oggi va fatto un plauso a tutti, soprattutto ad Odjer e Mantovani, due giovani ma già vecchi”.
Il calciatore dello Spezia Daniele Sciaudone, ex granata, al termine della partita ha dichiarato: “Non abbiamo affrontato la partita nel migliore dei modi, la Salernitana è una squadra forte e ben organizzata, non trovavamo bene gli spazi e la Salernitana è partita bene. Nel secondo tempo meglio noi, abbiamo pareggiato e siamo andati vicini alla vittoria, è un punto guadagnato. Su tante cose eravamo in seconda battuta, nel secondo tempo abbiamo migliorato certe cose che non siamo riusciti a sfruttare. Non ho mai rifiutato Salerno per un discorso di squadra, ma qui ho trovato un ambiente che fa per me, mi hanno voluto fortemente e mi hanno accontentato. A Salerno dovevo ripartire da capo mentre qui ho continuato. Giusto l’1-1 perché dovevamo affrontare meglio il primo tempo“.
Durante tutto il primo tempo la Salernitana è apparsa una squadra molto offensiva e solida che si è schierata in campo con un 3-4-1-2, divenuto poi 3-5-2 con il cambio tattico di Rosina mezz’ala e il suo goal del vantaggio.
Nel secondo tempo invece la Salernitana ha subito un calo atletico che si è trasformato in una minore compattezza difensiva di cui ha approfittato lo Spezia con Nenè su calcio d’angolo che ha riportato il risultato in parità.
Nonostante tutto, per il granata buona la prima.

 

 

  •   
  •  
  •  
  •