Gattuso e gli 80 anni di Berlusconi : “Se vuole, può venire a fare il mio vice a Pisa”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

io sto con rimghio gattusoNel giorno dell’80esimo compleanno di Silvio Berlusconi tra i tantissimi messaggi di auguri arrivati al presidente del Milan vi è anche quello dell’ex centrocampista rossonero, Rino Gattuso. L’attuale allenatore del Pisa ha speso parole di grandissima stima nei confronti di Berlusconi, ricordando alcuni aneddoti curiosi del suo rapporto con il presidente rossonero. Tra questi quello che maggiormente è rimasto impresso all’ex centrocampista del Milan è quello della finale di Champions League contro la Juventus, nel 2003 a Manchester. Un momento che Gattuso, in una intervista alla Gazzetta dello Sport, ha ricordato in questo modo.

“Non dimenticherò mai il discorso che ha fatto alla squadra il presidente Silvio Berlusconi prima della finale di Manchester contro la Juventus – ha raccontato Rino Gattuso -. Lui ha un carisma incredibile, a me piace guardare la gente negli occhi, ma con lui abbassavo lo sguardo”.

Leggi anche:  LIVE Napoli-Roma 4-0: dominio azzurro al San Paolo

Quella partita, ed i momenti che accompagnarono il Milan alla conquista della Champions League, rappresentano tra i ricordi più emozionanti e forti che hanno tutti i tifosi milanisti del trentennio di Berlusconi alla guida della società rossonera. Ed anche l’ex centrocampista rossonero Rino Gattuso nel giorno dell’80esimo compleanno di Silvio Berlusconi ha confessato di ricordare con particolare emozione proprio quella magica finale del 2003, vinta ai calci di rigore dal Milan sulla Juventus grazie al decisivo calcio di rigore messo a segno da Andrij Shevchenko, che oggi compie invece 40 anni.

La “proposta indecente” di Rino Gattuso a Berlusconi

“Con il presidente ho sempre avuto un bellissimo rapporto – ha continuato l’attuale allenatore del Pisa-. Berlusconi era il mio doping, mi dava una carica incredibile anche se mi  rimproverava per il look, rompeva sempre le scatole per la barba, ma abbiamo avuto un rapporto bellissimo. Il Milan di Berlusconi è stato una macchina perfetta, un po’ azienda, un po’ famiglia. Berlusconi sapeva scegliere gli uomini, non solo i calciatori. Mi ha insegnato che unendo il cervello e la forza di volontà si possono ottenere risultati incredibili. Gli auguro la salute, gli basta quello. Però ho un’idea, se vuole può venire al Pisa a fare il mio vice. Mi aiuterebbe sul campo e sarebbe un grande motivatore nello spogliatoio”

Leggi anche:  Serie B, dove vedere Virtus Entella Spal: diretta tv e streaming
  •   
  •  
  •  
  •