Caos calmo a Pisa

Pubblicato il autore: Salvatore Ciotta Segui

Pisa Spal 2-1 Il Pisa batte la Spal e si avvicina alla vetta campionato riaperto
Quale titolo migliore per descrivere cio’ che sta accadendo ancora nella ridente citta’ Toscana a causa di una societa’ che sembra vederci ma solo a modo suo.
Un caos che ormai dura perennemente da due mesi, una figura a capo di una societa’ che non ha un’anima, ma solo voglia di rattoppare le varie falle che si aprono giornalmente per non far affondare una nave che fino a Luglio pareva navigare in acque tranquille.
Manca il rapporto quotidiano con la squadra, mancano figure di riferimento per i giocatori, un Ds che e’ sparito come nei migliori casi di Maigret, manca la sicurezza di un domani e manca vergognosamente ancora ad oggi uno stadio aperto ai tifosi.
Mi chiedo ma quando ad inizio Agosto inizio’ la telenovela dove erano i presunti dirigenti, dove era il Presidente di Lega che doveva gia’ da allora intervenire per evitare questo bailamme? Forse erano tutti impegnati con le vacanze agostane, o forse avranno pensato ma si, sara’ una cosa passeggera tutto si sistemera’ in fretta, ma soprattutto e’ stata inquietante la presenza di Dana, che sembrava avesse dovuto fare un sol boccone della vecchia proprieta’. Niente di tutto cio’, solo illusioni vendute in Tv come fossero pentole, un po’ alla Renzi direi, ad oggi restano solo 310 mila euro vincolati su un conto, un Fondo (Sportativa), che e’ stato aperto da pochi giorni e nulla piu’.
Domenica, nonostante la partita sia stata aperta agli abbonati, l’Arena sara’ ancora vuota per un’altra delle encomiabili proteste organizzate dai gruppi della Curva Nord, tutti ancora fuori ad incitare la squadra, perche’ il Pisa Non sara’ mai solo come si canta a Liverpool.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: