Latina Pisa Gattuso: “E’ una polemica costante, così non si può lavorare”

Pubblicato il autore: Andrea Biagini Segui
Latina Pisa Gattuso

Vincenzo Vivarini e Gennaro Gattuso si stringono la mano prima del match tra Latina e Pisa. (LaPresse)

E’ un Rino Gattuso furioso quello che si presenta in conferenza stampa, dopo il pareggio per 1-1 tra Latina e Pisa. Il tecnico dei toscani, come ormai accade da molte settimane, è tornato a parlare dei problemi che stanno coinvolgendo la società, analizzando anche la partita dei suoi.
“Nel primo quarto d’ora abbiamo commesso molti errori. Abbiamo preparato la partita in un modo ma siamo stati troppo bassi ed abbiamo subito. Abbiamo una situazione molto difficile e per me, che sono maniacale in questo lavoro, è inconcepibile soprattutto per quelle persone che hanno una famiglia a casa e non prendono soldi. Penso di essere bravo a tirare fuori il meglio dai miei giocatori e quando vedo passione e voglia di fare mi inorgoglisce. Questa squadra ha un pregio grandissimo che è l’atteggiamento. Espulsione? Non sono un santo in panchina, lo so, però ho grandissimo rispetto per gli arbitri e per il loro operato. Mi assumo le mie responsabilità e cercherò di migliorare. Però rimane il fatto che c’è troppo piattume, è una polemica costante: così non si può lavorare. Il mio veleno c’è, credo molto negli atteggiamenti e nel gruppo squadra, ma fa male vedere al termine della gara che i magazzinieri ‘smadonnano’ contro la proprietà perché non paga. E io pago e mi sono rotto, non posso sempre passare da scemo, io non mi sento più credibile agli occhi di nessuno. Si arriva sempre a un punto di non ritorno”.

  •   
  •  
  •  
  •