Pazza serie B, frena anche il Verona

Pubblicato il autore: Nello Simonetti Segui

Verona-Milan 2-1Il turno infrasettimanale di questa pazza serie B conferma soltanto la leadership assoluta del Verona, nonostante gli scaligeri non siano riusciti ad andare oltre lo 0-0 all’Arena Garibaldi di Pisa contro la squadra di Gattuso. Un punto tutto sommato positivo, su un campo non certamente facile, che consente a Pecchia e i suoi uomini di mantenere un margine importante (5 punti), considerando che siamo solo all’undicesima, sulle inseguitrici. Questa volta bomber Pazzini, capocannoniere del torneo, non ha trovato la via della rete, ma la sensazione rimane di una superiorità talmente schiacciante da non mettere minimamente in dubbio la titolarità di uno dei tre pass per la serie A. Le vere risposte, questa pazza serie B, dovrà darle per ciò che concerne il secondo posto, per il quale la bagarre è appena iniziata. Il Cittadella continua a rimandare l’appuntamento con il ritorno alla vittoria, ma, almeno, al Picco di La Spezia, è riuscita a fermare la serie di tre sconfitte consecutive con un pari sempre positivo sul campo dei liguri. Venturato, dopo il folgorante avvio, comincia ad accusare lo scotto del noviziato e si vede ora raggiungere dalle altre big attardatesi nelle primissime battute della stagione. Carpi (corsaro a Perugia) e Frosinone (vittorioso al Matusa sulla Spal), fanno sentire il loro fiato sul collo dei veneti, insieme alla sorpresa Entella, capace di espugnare Cesena nel finale, acuendo la crisi di Drago, la cui panchina è sempre più in bilico. Particolarmente significativo il blitz del Carpi al Curi, dopo il capitombolo di sabato scorso, Castori si rialza con un successo importantissimo su un campo ostico come quello di Perugia, ma in questa pazza serie B, occhio anche a Brescia e Novara, entrambe vittoriose contro Vicenza (che rimonta le rondinelle!) e Bari. La classifica corta può favorire anche un loro inserimento nelle zone alte.
Pazza serie B anche in coda, dove spiccano i successi di Avellino e Trapani. I lupi irpini ringraziano Lasik, la cui zuccata regala tre punti d’oro nello scontro diretto interno con la Ternana, finita ora all’ultimo posto dove l’ha raggiunta proprio la squadra di Cosmi, vittoriosa di misura su un Benevento in piena crisi (la miseria di un punto nelle ultime quattro), grazie ad un gol di Citro. Pari e patta al Del Duca tra Ascoli e Salernitana e al Piola tra Pro Vercelli e Latina. Risultati che fanno sorridere siciliani e irpini, che accorciano la classifica e arricchiscono la bagarre di una sempre più pazza serie B. Ben dieci squadre nello spazio di quattro punti, compresa anche una pretendente alla promozione come il Bari, a questo punto attento anche a ciò che accade alle sue spalle, onde evitare sgradite sorprese. In questa pazza serie B nulla può essere dato per scontato. Tra tre giorni si torna in campo, probabilmente il Cesena avrà ancora Drago sulla panchina (mentre scriviamo non arrivano conferme sul suo possibile esonero), la panchina se la giocherà contro il Frosinone, non esattamente il più morbido degli avversari, ma i romagnoli devono fermare questa emorragia e tirarsi fuori dalla zona play out. Drago proverà a dare un bel calcio alla crisi e a tenersi la panchina, nella speranza che possa essere l’inizio della risalita. Questa pazza serie B, così incerta e lunga, lo consente ampiamente…

  •   
  •  
  •  
  •