Pisa, ancora 15 giorni

Pubblicato il autore: Salvatore Ciotta Segui

Ancora due settimane per la possibile svolta societaria.

Come volevasi dimostrare non tutto e’ stato pagato al 17 Ottobre, manca il versamento dei contributi che comportera’ a breve una penalizzazione in classifica di almeno un punto. Nel teatrino mediatico organizzato una settimana fa qualcuno ha ancora mentito, ma d’altro canto cosa ci si poteva attendere da persone che tengono una societa’ sportiva in ostaggio da due mesi?
Il pagamento degli stipendi non e’ tutto merito dei Petroni, NGM ha anticipato il pagamento di fatture relativa alla pubblicita’, non e’ bastato raschiare il fondo del barile da parte di Britaly Post, con la situazione finanziaria che diventa a questo punto sempre piu’ preoccupante. Il debito aumenta, ed entrate per risanare le casse non ce ne sono, solo dei miseri incassi derivanti dall’ultimo match di campionato.
Un proverbio dice “chi e’ causa dei suoi mali pianga se stesso”,  con i mali che potevano benissimo essere allontanati se a Settembre ci fosse stata la paventata vendita della societa’, e se come dice Abodi,  gli attuali proprietari vogliono vendere perche’ non vogliono farlo nonostante ci siano state delle offerte? Non vorrei che vogliano attendere la sentenza a cui sara’ sottoposto F. Petroni, per in caso di assoluzione,  continuare nella gestione societaria?
Brutti pensieri che probabilmente hanno un fondo i verita’, il Petroni e’ persona che non molla facilmente.
Dalla Lega, sempre per bocca di Abodi sembra che ci sia stata un’accelerata nella vendita della societa’, in due settimane dovrebbe essere concluso il passaggio di proprieta’, con The Space Cinema maggior indiziato, ma anche Gsport e’ interessata ad acquisire il club toscano.
Bisogna fare in fretta, il tempo ormai e’ quasi scaduto o le bella favola svanira’ come nei migliori racconti a mezzanotte, anche se giocatori, citta’ e tifosi non meritano questo trattamento.Pisa


  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: