Pisa, i conti non tornano

Pubblicato il autore: Salvatore Ciotta Segui

I debiti della societa’ neroazzurra ammontano a circa 3 milioni di euro.

stemma pisa calcio

Una voragine si apre sotto i piedi degli eventuali acquirenti dell’Ac Pisa 1909, ad oggi i debiti ammontano a circa tre milioni di euro, per la gestione ordinaria, mentre fino al termine della stagione ne serviranno altri 2,5 milioni, una situazione che non accenna a migliorare, anzi a cio’ dobbiamo anche sommare la cifra che Battini (l’ex presidente)  deve pagare all’attuale proprieta’ che ammonta a 1,7 milioni che  sono in sospeso  in quanto e’ stata aperta una causa civile.
I problemi grossi provengono dalla mancanza di mercato in uscita che l’estate scorsa non ha portato nelle casse della societa’ introiti, infatti tutti i giocatori che hanno cambiato maglia sono uscirti avendo rescisso il contratto per cui a parametro zero.
Gli attuali proprietari, non si sa perche’,  sono stati passivi per tutto il mese di Agosto, cioe’ il mese decisivo per il calciomercato, con un Ds che si e’ eclissato da quando Gattuso aveva mollato gli ormeggi a fine Luglio.
Non c’e’ stata, dall’uscita di scena di Lucchesi una figura in sostituzione , cosa gravissima in quanto e’ mancata anche l’interfaccia tra societa’ e giocatori che e’ di fondamentale importanza per la gestione di qualunque club calcistico.
Adesso che la frittata e’ fatta bisogna tappare le falle che di giorno in giorno si aprono, bisogna dare nuovamente in gestione il settore giovanile e fare un mea culpa contro Biancoforno, che nelle passate stagioni aveva svolto un lavoro egregio.
Per quanto riguarda la vendita della societa’ , che sembra quasi essere commissariata dalla Lega, con mandato a vendere affidatogli da Petroni, spunta un nome nuovo The Space Cinema con a capo i fratelli Corrado che tempo addietro erano in trattativa per l’acquisto del Parma, in piedi sembra anche essere  la trattativa che porta a Gsport che fa parte della galassia Infront.
Sul fronte stadio, invece, il Gos riunitosi oggi ha deciso di aprire l’impianto pisano a 5400 spettatori cosi’ suddivisi; 1750 Curva Nord, 2700 gradinata, 550 Tribuna, 200 ospiti e 200 accrediti.
Meglio che niente si direbbe in tempi di magra, si spera dalla prossima partita casalinga di permettere l’ingesso al pubblico per almeno diecimila spettatori, societa’ permettendo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: