Salernitana, ma che combini? Sannino preoccupato per la difesa

Pubblicato il autore: Ramona Buonocore Segui

Esonerato SanninoSconfitta che brucia quella di ieri pomeriggio per la Salernitana allo stadio Mazza di Ferrara contro la Spal per 3 a 2.
Gli undici di Beppe Sannino non sono riusciti a portare a casa né i tre punti utili per risalire la classifica della serie B e nemmeno quell’unico punto utile a non demoralizzarsi dopo un inizio campionato non proprio roseo (una sola vittoria, tre pareggi e due sconfitte).
E a pensare che ieri la squadra di Salerno era subito andata in vantaggio, al quinto minuto, con un gol di testa di Alfredo Donnarumma su assist di Coda. Nemmeno il tempo di festeggiare che la Spal riporta in parità il risultato al settimo minuto con Schiattarella dopo un pasticcio difensivo della squadra granata. Su calcio d’angolo arriva il raddoppio della Spal: Mora di testa colpisce e supera sia tuia che Terracciano che altro non può fare se non vedere la palla che trafigge la rete.
La ripresa si apre con un gol capolavoro di massimo Coda per la Salernitana che, subito dopo un minuto di gioco, tira al volo su assist di Odjer e infila la palla nell’angolino dove Branduani non può fare nulla. Risultato di nuovo in parità sul 2 a 2. Passano appena nove minuti e la Spal si riporta nuovamente avanti con una reta di Antenucci.
Il risultato al 90° si ferma sul 3 a 2 per la squadra di casa che può festeggiare.
Tanta delusione ed amarezza invece per una Salernitana con ancora molti, anzi troppi problemi difensivi: pasticcia troppo Schiavi che al 35° si fa anche cacciare fuori per somma di ammonizioni dall’arbitro Ghersini che non concede nemmeno un rigore alla squadra ospite.“Andiamo via con l’amaro in bocca però questo è il calcio– ha dichiarato Sannino al termine della gara di Ferrra-. Mi spiace per i ragazzi che l’hanno interpretata bene, ma alla fine ci siamo fatti male da soli. Il dato negativo è l’espulsione di Schiavi, l’errore sul gol ci può stare. Il rosso ci ha lasciati in dieci e con Tuia infortunato. La partita l’avevamo messa sul pareggio, potevamo portare a casa almeno un punto. Dobbiamo essere più accorti e concentrati, ricordando che a Salerno vogliono giocatori che attaccano sempre. Un po’ tutti erano nervosi perché non vogliono perdere, bisogna saper gestire la sconfitta, è la più immeritata”.
Il pensiero di Sannino va poi alla prossima partita, quella contro il Benevento, neopromosso che ha portato a casa, fino ad ora, solo risultati utili. A preoccupare maggiormente l’allenatore granata è la difesa, con Schiavi fuori dopo il cartellino rosso, Tuia infortunato e Perico da valutare.
“Sono arrabbiato per quanto successo oggi. Un professionista non può farci restare in dieci in un momento delicato, lo critico solo per questo. Non mi voglio soffermare sugli errori individuali, che hanno causato la sconfitta: la cosa che mi dà più fastidio è l’espulsione, non si può commettere una simile ingenuità. Tuia? E’ reduce da una settimana difficile, ha avuto diversi problemi in settimana ma aveva recuperato. Mi è dispiaciuto doverlo sostituire perché stava giocando bene, speriamo che non sia nulla di grave”.

  •   
  •  
  •  
  •