Gattuso tra Perugia e Corrado, probabile nuovo proprietario del Pisa

Pubblicato il autore: Salvatore Ciotta Segui

gattuso perugia
Sliding Doors per Mister Gattuso, che domani si ritrova di fronte la sua ex squadra, quel Perugia che lo lancio’ definitivamente nel calcio che conta.  Oggi nella consueta conferenza stampa pre partita, il Ringhio nazionale si e’ soffermato sul match di domani, sui problemi societari e sul futuro che verra’ a Pisa, con una certezza, a breve termine Petroni si fara’ da parte per lasciare la societa’ nelle mani di Corrado che sembra avviato a tagliare vittorioso il traguardo di nuovo proprietario del Pisa. (fonte intervista Ilpisasiamonoi.it)

Su Corrado: 
Qualche giorno fa ho sentito il figlio di Corrado e mi ha detto che hanno formulato una proposta di acquisto della società. Mi fa piacere ma non voglio fare il tifo per nessuno ; faccio il tifo per il Pisa, per il bene della squadra e della città. Io sono già stato fregato una volta, adesso mi metto alla finestra ed aspetto, anche perchè a metterci sempre la faccia uno poi rischia di fare la figura del coglione … In settimana qualcosa di positivo è stato fatto (sono stati pagati gli stipendi di alcuni dipendenti) ed è un qualcosa che deve essere sottolineato.

I suoi trascorsi: 
A 12 anni entrai nella scuola calcio del Perugia : devo ringraziare la famiglia Gaucci ed i miei genitori che mi hanno dato questa possibilità (soprattutto mio padre, visto che mia madre non era propriamente d’accordo …). Da capitano ho vinto molto a livello giovanile, poi riuscii ad esordire anche in prima squadra, come terzino destro. Ricorderò sempre quella stanza di 5 metri che non vedevo l’ora di abbandonare la mattina per andare agli allenamenti. Poi andai a fare un Europeo under 18 con mister Rocca e venni notato dagli osservatori dei Rangers. Mi davano 2 miliardi ma io non volevo andare : mio padre, che non sapeva neanche come si scrivessero 2 miliardi, mi disse che mi ci avrebbe mandato anche a calci nel culo … Ed anche a Glasgow ho imparato tanto davvero : loro si aspettavano un’ala alla Bruno Conti ed invece si misero in casa uno più scozzese di loro … A Perugia entravo in campo e mi veniva il mal di stomaco, in Scozia mi sono sentito subito a mio agio.

Sul match di domani:
Altra gara difficile da affrontare : il Perugia è in forma, ha entusiasmo, ha nel centrocampo il reparto migliore, creano tanto e concedono poco. Mister Bucchi ha dimostrato anche lo scorso anno a Macerata di essere un buon allenatore, sono partiti male ma si sono ripresi subito.

Vedo grande entusiasmo nei miei ragazzi. In settimana siamo riusciti a fare delle sedute di forza durante gli allenamenti, cosa impensabile fino a venti giorni fa. Manca una vittoria, questo è sicuro. Dobbiamo giocare come sappiamo senza farsi schiacciare dall’avversario, essendo poi bravi a verticalizzare per bene quando si presenta l’occasione giusta : dobbiamo metterci maggiore cattiveria.

Per chi ci studia facciamo sempre il gioco delle tre carte … cambiamo spesso basandoci molto sugli avversari e diamo pochi punti di riferimento a chi deve analizzare le nostre partite. Gli infortunati ? Mannini ha iniziato oggi a corricchiare, lo valuteremo la prossima settimana, ed anche Tabanelli ha iniziato a camminare senza sentire dolore. Eusepi viene da quindici giorni di cortisone, durante la settimana si è allenato ed è a disposizione. Mudingayi viene da un lungo stop, mentre Gatto è un ottimo prospetto di giocatore ma ci vuole il tempo necessario per la sua crescita. Ovviamente le mie scelte sono improntate a non far fare brutta figura ai miei giocatori.
Match difficile quello di domani, ma i tre punti nonostante la forza dell’avversario sono da portare a casa, peccato per la capienza ridotta dell’Arena, si prevede gia’ il tutto esaurito con circa 6000 spettatori.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie B, dove vedere Virtus Entella Spal: diretta tv e streaming