Pisa: 24 ore decisive per il futuro del club. Gattuso: “Corrado è il futuro del club”

Pubblicato il autore: Salvatore Ciotta Segui
Gattuso dopo Pro Vercelli-Pisa

Gattuso

Oggi e domani giornate decisive per il destino del Pisa

Manca ancora poco, 24 ore che saranno vissute da un’intera città con il fiato sospeso, aspettando le firme che sanciranno il definitivo passaggio di proprietà del Pisa dalla Carrara Holding alla Magico di Giuseppe Corrado. I tifosi nonostante le rassicurazioni del Presidente Abodi, e del comunicato a firma di Petroni L., che  sancisce la bozza di accordo, ancora sono scettici, da Giugno ad oggi sei mesi passati su un ottovolante, salite ma anche discese repentine, vissuti sempre sul filo dell’incertezza che ha regnato sovrana. Tutto ciò ha pesato, e non poco, anche alla stagione della squadra, giocatori che mentalmente appaiono stanchi, e ne hanno ragione, ma Gattuso è stato sempre lì a pungolarli, quasi come un padre, a spronarli di non mollare mai, per questo il rapporto tra l’ex giocatore del Milan e la città è diventato forte, manca solo una cosa, che il Sindaco gli consegni le chiavi della città .
Gattuso ieri nell’ambito di una manifestazione organizzata dalla Paim ha rilasciato queste parole sul futuro del club (fonte Tuttopisa):
“Il futuro è quello che ha scritto Corrado oggi, il futuro è cercare di strappare quei contratti e andare all’ufficio del lavoro per chiudere. Se arrivano i Corrado a gennaio faremo qualcosa sul mercato e ci vogliamo provare a conservare la categoria. Dobbiamo provarci e abbiamo il dovere di farlo. Con altri personaggi non c’è futuro; hanno dimostrato di non saperci fare in questo mondo perché per fare calcio ci vuole programmazione, serietà e denaro e loro tute queste componenti non ce le hanno”.
Parole forti, ma vere, si attende oggi la rescissione di alcuni contratti di figure che ancora sono a libro paga del Pisa, Lucchesi , Taverniti, Tambone etc.,  oggi dovranno presentare le loro dimissioni alla Camera del Lavoro,  conditio sine qua non per il passaggio di proprietà.
Il Presidente di Lega Abodi, nella sua dichiarazione rilasciata ieri all’Ansa ha richiamato tutti gli attori della vicenda ad un senso di responsabilità, già proprio tutto quello che fino ad oggi a Pisa (anzi a Roma) non c’è stato.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Dopo il rifiuto al Barcellona, il portiere si accasa in serie B!