Si festeggia il Natale con Pisa Spezia: via Petroni, benvenuto Corrado

Pubblicato il autore: Al Rey Segui
Si festeggia il Natale con Pisa Spezia: via Petroni, benvenuto Corrado

Pisa 1909 calcio fanpage

Il Pisa finalmente ha cambiato proprietà, al posto di Lorenzo Petroni è arrivato Giuseppe Corrado: grande festa in città in attesa del derby

Non solo i tifosi, ma tutta la città di Pisa si è finalmente liberata di un incubo, dopo mesi bui di umiliazioni e sofferenze. Stanotte è avvenuto il tanto sospirato passaggio di proprietà, Lorenzo Petroni, figlio di Fabio e amministratore unico della società, insieme ai vari individui del suo entourage, hanno venduto la società AC Pisa 1909 al gruppo Magico guidato da Giuseppe Corrado. Il passaggio è avvenuto nella notte dal notaio dottor Giordano di Milano, la città è rimasta con il fiato sospeso fino all’ultimo, perché sembrava che Lorenzo Petroni e soprattutto l’avvocato Taverniti avessero avuto un ripensamento all’ultimo secondo prima di firmare l’atto. Vincenzo Taverniti ha finto un malore per tentare il tutto per tutto e rimanere alla guida della società, dopo infinite scuse per cercare di non venderla. Stanotte tutta Pisa ha festeggiato: i romani se ne sono finalmente andati e si può voltare pagina con una nuova proprietà che per il momento lascia promettere bene. Sulla vicenda societaria del Pisa si è scritto di tutto, ma adesso è arrivato il momento di pensare solamente al calcio giocato e concentrarsi sulle partite che ci saranno prima del mercato di gennaio. La vigilia di Natale ci sarà il derby Pisa Spezia, una gara molto sentita da entrambe le tifoserie che ritorna dopo otto anni di attesa. I gruppi organizzati del tifo pisano avrebbero impedito ai giocatori di scendere in campo se non ci fosse stata la svolta societaria di questa notte.

Leggi anche:  Dopo Machin e Sorensen, Sebastiani porta anche Odgaard a Pescara

Pisa liberata: l’arresto di Fabio Petroni

Probabilmente la vecchia proprietà ha temporeggiato così a lungo perché avrebbe sperato di rimanere fino al giorno della sentenza di Fabio Petroni, che però non è andata come sperava. L’ex presidente del Pisa, già da alcuni mesi agli arresti domiciliari, oggi è stato condannato a nove anni e sei mesi per bancarotta fraudolenta. Certi personaggi non sono mai stati graditi alla città di Pisa, che tuttavia ha resistito perché temeva che l’allenatore Gennaro Gattuso se ne sarebbe andato. È stato proprio Ringhio a dare una scossa a tutta la situazione, dimettendosi da allenatore alla fine di luglio perché non sopportava più l’assenza totale di una società. I giocatori erano costretti ad allenarsi supportati solamente dai tifosi che, piuttosto che andare al mare, si recavano a San Piero a grado ad incitare la squadra ad allenarsi.

Leggi anche:  Dopo Machin e Sorensen, Sebastiani porta anche Odgaard a Pescara

Il calcio giocato: Pisa Spezia

In seguito ad una semi rivolta popolare, Gennaro Gattuso è tornato sulla panchina del Pisa solo ed esclusivamente per l’attaccamento alla città e la riconoscenza nei confronti dei tifosi che lo hanno eletto a proprio idolo quale esempio di onestà, rettitudine e forza d’animo. Negli ultimi tempi sembrava che Gattuso avesse allentato la presa ed anche sul campo i giocatori non davano più il massimo come ai tempi della promozione in serie B. Gli infortuni da stress si sono accumulati e il 24 dicembre 2016 solo la forza d’animo permetterà alla squadra di scendere in campo nella partita più ostica di tutto il campionato. Il derby Pisa Spezia si giocherà alle 12:30 all’Arena Garibaldi, che ha esaurito tutti i biglietti nel giro di mezza giornata. Le biglietterie avevano chiuso in segno di protesta decidendo di non vendere nessun tagliando fintanto che non fosse cambiata la proprietà, stamattina hanno riaperto e i biglietti a disposizione sono stati spazzolati in poche ore. Lo stesso dicasi per i tifosi spezzini, che hanno richiesto più tagliandi disponibili ma si dovranno accontentare di solamente 400 biglietti, già esauriti. Le forze dell’ordine sono in stato di massima allerta in virtù dell’ostilità che c’è tra le due tifoserie a causa di ciò che è accaduto in passato con la morte di un tifoso pisano.

Leggi anche:  Dopo Machin e Sorensen, Sebastiani porta anche Odgaard a Pescara

Foto: Pisa 1909 calcio fanpage

  •   
  •  
  •  
  •