Contro il Frosinone serve Pisani’s Karma

Pubblicato il autore: Salvatore Ciotta Segui

Il Novara vincendo 1-0 contro il Latina, ha dato un involontario aiuto ai nerazzurri, il Latina sprofonda sempre più in basso ora sono quattro le sconfitte consecutive, oggi la Pro Vercelli riceve il Benevento ed una vittoria dei Sanniti non è così impossibile. Stante ciò, il Pisa se domani riuscisse a battere la corazzata Frosinone, inizierebbe a respirare aria meno viziata, allontanando lo spettro dei Playout. La squadra di Marino in questo momento è la più in forma del momento, non subisce reti da tre giornate, per cui occorre  Karma, parola che ha un duplice significato, in toscano significa calma, mentre per la religione Buddista o Induista sta a significare da wikipedia” creare qualcosa agendo”.
Non bisogna però solo attendere l’avversario ma creare anche pericoli alla porta frusinate, peccato che per il match di domani ci saranno diverse assenze tra le fila nerazzurre: Masucci, Verna e Cani sono squalificati, Lisuzzo, Landre e Varela infortunati per cui Gattuso deve gestire una vera e propria emergenza, anche se Ringhio è uomo tenace e di certo non si abbatte dinanzi alle difficoltà
Possiamo quindi prevedere una formazione schierata con il 4-2-3-1, in porta Ujkani (miglior portiere del campionato), Golubovic, Del Fabro, Crescenzi e Mannini in difesa, in mediana Angiulli e Di Tacchio, i tre fantasisti saranno Peralta, Zonta e Gatto che saranno dietro all’unica punta Manaj che è ancora alla ricerca del primo gol nerazzurro.
Marino conferma l’undici sceso in campo contro il Carpi con in difesa Terranova, Ariaudo e Krajnc, a centrocampo linea composta da Fiamozzi, Maiello , Mazzotta e Sammarco, in attacco Soddimo D. Ciofani e Dionisi.
Tutti i biglietti del match di domani sono stati bruciati in poche ore, tutto ciò sta a significare quanto i tifosi tengano alla squadra ed in particolare a questa partita, una sorta di mini rivincita dela semifinale Playoff persi proprio contro il Frosinone alcune stagioni addietro in Legapro.

  •   
  •  
  •  
  •