Lega Pro, Gigi Buffon lascia la presidenza della Carrarese

Pubblicato il autore: Rocco Menechella Segui

Buffon (1)

Gigi Buffon ha ceduto la maggioranza delle quote della Carrarese, la squadra della sua città natale che milita nel campionato di Lega Pro. Dopo mesi di trattativa, con svariati appelli da parte dello stesso capitano azzurro per un maggior supporto al suo progetto, nella giornata di ieri  è arrivata la svolta. Una scelta sofferta ma obbligata da parte del portiere della Juventus a seguito della mancanza di soci disposti a dargli una mano nella gestione della società. Ieri si è dunque giunti ad una svolta che vedrà l’uscita di scena di Buffon dai quadri dirigenziali della Carrarese. In un comunicato si legge che la “GVG Immobiliare S.r.l., nella figura del suo legale rappresentante Adriano Buffon, titolare dell’87.5% delle quote di Carrarese Calcio srl, rende noto di aver stipulato oggi un accordo quadro, vincolante per le parti, con la società T3T Spa rappresentata dal suo legale rappresentante pro tempore, ingegnere Raffaele Tartaglia”.

“I rispettivi studi legali procederanno nei prossimi giorni alla stesura del contratto definitivo che dovrà esser siglato entro e non oltre il prossimo 7 agosto 2015”.Con il presente accordo quadro – prosegue il comunicato – T3T Spa si impegna a rilevare le quote di GVG Immobiliare srl e diventare quindi azionista di maggioranza di Carrarese Calcio srl con una partecipazione pari al 70% dell’intero pacchetto azionario”. “Dopo aver guidato il club per cinque stagioni, la GVG Immobiliare ha avviato un nuovo corso che assicurerà alla Carrarese il futuro necessario in continuità con l’affetto e l’impegno da sempre dimostrati nei confronti del territorio carrarino e dei colori giallo-azzurri”, conclude la nota. Nelle scorse settimane era fallita la trattativa con l’ex dirigente sportivo Fabrizio Lucchesi che era pronto ad ingaggiare Rino Gattuso come allenatore. Ora ecco la decisione di Buffon di passare la mano e dedicarsi anima e corpo alla Juventus ma con la certezza che sarà sempre il tifoso numero uno della squadra della sua città.

  •   
  •  
  •  
  •