Lega Pro Girone C, il Lecce ribalta la Juve Stabia. Foggia e Matera in affanno

Pubblicato il autore: Antonio Guarini

Lega Pro Girone C, dopo la 14 esima giornata c’è un terzetto in testa formato da Lecce,Juve Stabia e Foggia, salentini galvanizzati dalla rimonta sulle Vespe, si stacca il Matera battuto dall’Andria.

lega pro

Lega Pro, le parole dei protagonisti del girone C

Lega Pro Girone C, sono tanti i verdetti della giornata appena trascorsa, intanto che la Juve Stabia ha perso l’imbattibilità casalinga. Sconfitta arrivata proprio nello scontro al vertice con il Lecce che ha permesso ai salentini di raggiungere le Vespe in testa alla classifica. Grandissima prova dei ragazzi di Padalino che in svantaggio di due reti hanno capovolto un match difficilissimo. Il gol di Caturano allo scadere riporta in vetta il Lecce, l’allenatore giallorosso mantiene però i piedi per terra:”Domeniche così possono cambiare la stagione. Ne dobbiamo essere consapevoli e raccogliere il lato positivo di questa giornata così felice, non quello negativo di sederci sugli entusiasmi. Non deve accadere, dobbiamo vivere di entusiasmi continui, non appagarci. Oggi sappiamo chi siamo, non dove possiamo arrivare”.
In vetta alla classifica del Girone C della Lega Pro c’è anche il Foggia di Stroppa, che piega a fatica il Catanzaro fanalino di coda, tornando alla vittoria dopo tre pareggi consecutivi.”Sono contento che siamo tornati in vetta alla classifica, sono felice per i tifosi, per la città, per la squadra perché è ritornata dove deve essere, è chiaro che i conti si fanno alla fine. La squadra stia dimostrando che, alle volte, si può giocare meno bene, subire l’avversario ma, di sicuro, in tutte le partite che abbiamo giocato sino a questo momento abbiamo meritato un risultato diverso, tranne in qualche frangente di qualche match”, queste le parole di Stroppa. Battuta d’arresto per il Matera di Auteri, battuto sul campo dell’Andria e domenica c’è il big match con la Juve Stabia:” Ci siamo fatti spesso rubare palla nei vari contrasti, loro sono stati bravi e furbi a interrompere spesso il gioco. Questa è la categoria, dobbiamo adeguarci a determinate caratteristiche in questo momento. Non è il nostro aspetto migliore sul piano fisico. La classifica? Non siamo abituati a ragionare su di lei, ragioniamo sulla partita. L’Andria ha raccolto i meriti sul campo di quello che ha fatto, sulle prospettive future non è il momento dei verdetti”.

Lega Pro Girone C, Reggina -Taranto, un punto che non serve a nessuno

In chiave salvezza c’era molta attesa per il match tra Reggina e Taranto, partita che si è conclusa per 2-2, lasciando l’amaro in bocca soprattutto agli ospiti. L’allenatore dei pugliesi Prosperi parla così dopo il match del Granillo:”Venire a Reggio Calabria, con la Reggina in queste condizioni, e agguantare un punto che ci permette di tenerla agganciata può essere positivo, ma al tempo stesso fa male perché siamo consapevoli di aver buttato due punti. Sotto certi punti di vista ho notato una piccola crescita, sotto altri aspetti non sono soddisfatto perché siamo stati troppo timorosi. Questo, però, deriva dalla mancanza del risultato e dall’ansia di prendere gol. Modulo? Abbiamo cambiato in corso d’opera ed ero convinto di andare a vincere, invece abbiamo buttato via una vittoria. Dobbiamo lavorare e migliorare perché a volte il particolare può fare la differenza”, e domenica allo Jacovone arriva il Lecce.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie C, dove vedere Monopoli-AZ Picerno: diretta TV e streaming