Mercato Milan: Galliani è già al lavoro

Pubblicato il autore: Valeria Leli Segui

Campionato di Calcio serie A Tim, Cesena vs Milan

È un Milan già operativo, quello che si appresta ad affacciarsi al mercato di gennaio. L’ad rossonero, Adriano Galliani infatti, avrebbe già più di un’idea per migliorare l’organico a disposizione di Pippo Inzaghi. I reparti che andrebbero rinforzati in modo particolare, sono difesa e centrocampo, con gli innesti di un terzino ed un difensore centrale, più un centrocampista di qualità.
Nella prima parte di questo campionato sono state evidenti le lacune difensive; il reparto arretrato è quasi sempre in difficoltà, e il solo Alex non può sostenere l’intera retroguardia, ora più che mai, visto il suo infortunio. Così Galliani pare aver messo gli occhi su diversi centrali sudamericani: Magalann (Boca), Kannemann (San Lorenzo) e Vegas (Audax). Molte le idee anche a centrocampo; oltre il già bloccato Suso, centrocampista offensivo del Liverpool, che però potrebbe anticipare il suo arrivo a gennaio, a patto di un piccolo indennizzo ai Reds, piacciono anche Illarramendi del Real Madrid, Lucas Leiva (Liverpool), Geis (Mainz). Forte è anche l’interesse per l’atalantino Daniele Baselli, ma bisognerebbe battere la concorrenza dell’Inter. Ma oltre al mercato in entrata, c’è movimento anche per quello in uscita. Alle ormai chiare cessioni di Zaccardo, Albertazzi, Armero e Pazzini, i quali hanno trovato pochissimo spazio in queste undici giornate, si aggiungerebbero anche quelle di Agazzi, Saponara e Van Ginkel.
Ci sarà da lavorare questo inverno per Adriano Galliani; ma se vogliono essere raggiunti gli obiettivi stagionali che la società si è prefissata ad inizio campionato, con la qualificazione almeno in Europa League, nuovi innesti serviranno. Pippo Inzaghi è fiducioso e sa che il presidente Berlusconi farà di tutto per accontentarlo e per mettergli a disposizione una rosa quanto più competitiva.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Probabili formazioni Milan Fiorentina: rossoneri che faranno ancora a meno di Ibra