La stampa svedese consiglia Ibra: “Vai alla Roma”

Pubblicato il autore: Alessandro Marini Segui

???????????????????????????

Dalla stampa svedese arriva un consiglio per Zlatan Ibrahimovic: “La squadra migliore dove chiudere la carriera è la Roma, in quell’ambiente così caldo Ibrahimovic si troverebbe a meraviglia.” Il suggerimento, più che una voce di mercato, è arrivato dal quotidiano svedese Aftonbladet, che continua spiegando come :” Per molti tifosi sarebbe un sogno vedere Zlatan in Premier League, ma quel campionato sarebbe stato l’ideale per lui sette anni fa, non oggi. La prossima mossa che potrebbe fare Ibra è quella di tornare in Italia, dopo le esperienze con Juventus, Inter e Milan, la Serie A lo ha trasformato in uomo ed i tifosi lo hanno sempre amato.” Poi ancora: “Seydou Keita pochi giorni fa ha detto che avrebbe chiamato Ibrahimovic per  farlo andare alla Roma, sappiamo che in Italia non girano più molti soldi ma Zlatan è ormai ricchissimo e potrebbe sorprendere tutti scegliendo una destinazione senza incrementare il conto in banca”.

Il giornale svedese conclude dicendo : “A Roma sarebbe un Dio, è una città che respira calcio, al contrario di Parigi e Francesco Totti ha sempre avuto rispetto profondo per lui. Inoltre il club giallorosso è di nuovo al vertice nel calcio italiano ed è tornato nel giro della Champions League. Consigliamo ad Ibrahimovic di chiudere la carriera in un ambiente incandescente come Roma e non in una lenta dissolvenza fra il lusso di Parigi. Nel 2003, a 21 anni, Zlatan ci disse in un’intervista che sapeva che la Roma era interessata a lui e che un giorno avrebbe giocato con la squadra della Capitale Italiana. Non è ancora troppo tardi Zlatan”. Ovvio come quella del quotidiano svedese sia soltanto un suggerimento al calciatore, o un’idea di fantamercato, ma nel calcio mercato mai dire mai, chissà se a giugno Ibrahimovic non seguirà il consiglio dei suoi connazionali e decida di tornare in Italia, stavolta a Roma.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  LIVE Napoli-Roma 4-0: dominio azzurro al San Paolo